L’incoerenza di Bergoglio su misericordia e giustizia

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

«Sì»: per il cristiano non c’è altra risposta alla chiamata di Dio. E soprattutto non ci deve essere mai l’atteggiamento di chi fa finta di non capire e si gira dall’altra parte. … … «è tutta una storia che finisce e incomincia in questa solennità che oggi celebriamo: la storia dell’uomo, quando esce dal paradiso» … Dopo il peccato, infatti, il Signore comanda all’uomo di camminare e riempire la terra: «Sii fecondo e vai avanti». Ma «il Signore era attento a quello che faceva l’uomo». Tanto che «alcune volte, quando l’uomo sbagliò, Lui punì l’uomo: pensiamo a Babele o al diluvio»” (Omelia, Casa Santa Marta, 4 aprile 2016)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Benedetto Dio che vive in eterno il suo regno dura per tutti i secoli;
Egli castiga e usa misericordia,
fa scendere negli abissi della terra, fa risalire dalla grande Perdizione e nulla sfugge alla sua mano.
Lodatelo, figli d’Israele, davanti alle genti; Egli vi ha disperso in mezzo ad esse per proclamare la sua grandezza.
Esaltatelo davanti ad ogni vivente; è lui il Signore, il nostro Dio, lui il nostro Padre, il Dio per tutti i secoli.
Vi castiga per le vostre ingiustizie, ma userà misericordia a tutti voi. Vi raduna da tutte le genti, fra le quali siete stati dispersi.
Convertitevi a lui con tutto il cuore e con tutta l’anima, per fare la giustizia davanti a Lui,
allora Egli si convertirà a voi
e non vi nasconderà il suo volto.
Ora contemplate ciò che ha operato con voi e ringraziatelo con tutta la voce;
benedite il Signore della giustizia ed esaltate il re dei secoli.
Io gli do lode nel paese del mio esilio e manifesto la sua forza e grandezza a un popolo di peccatori. Convertitevi, o peccatori, e operate la giustizia davanti a lui; chi sa che non torni ad amarvi e vi usi misericordia?” (Tb 13,2-8)

Non dire: “La sua misericordia è grande; mi perdonerà i molti peccati”, perché presso di lui ci sono misericordia e ira, il suo sdegno si riverserà sui peccatori” (Sir 5,6)

Ma chi vuol gloriarsi si vanti di questo, di avere senno e di conoscere me, perché io sono il Signore che agisce con misericordia, con diritto e con giustizia sulla terra; di queste cose mi compiaccio” (Ger 9,23)

Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia” (Mt 5,6-7)

Che diremo dunque? C’è forse ingiustizia da parte di Dio? No certamente! Egli infatti dice a Mosè: Userò misericordia con chi vorrò, e avrò pietà di chi vorrò averla” (Rm 9,14-15)

 

C) Commento:

Lunedì 4 aprile 2016. Casa Santa Marta. Bergoglio dice:”Il Signore era attento a quello che faceva l’uomo“. Per poi aggiungere: “Alcune volte, quando l’uomo sbagliò, Lui punì l’uomo: pensiamo a Babele o al diluvio“.

Bergoglio ora evidenzia che il Padre (oltre che essere Dio di misericordia) è anche Dio di giustizia. “Quando l’uomo sbagliò, Lui (Dio) punì l’uomo“. Quindi Bergoglio si contraddice. Ma i veri cristiani ben sanno che non vi è vera misericordia senza giustizia. Infatti Dio è misericordioso e giusto.

Quindi la Misericordia e la Giustizia non si possono separare, non si possono dividere l’una dall’altra. Procedono insieme. Perché Dio “punì l’uomo“? Perché la divina misericordia è giusta. Dio è misericordioso e giusto. “Vai e non peccare più“, come dice Gesù; e non, come dice Bergoglio: “Stai tranquillo, ne hai fatta una grossa, sì, ma stai tranquillo“.

La differenza è essenziale e sostanziale.

Il popolo ebraico è stato punito da Dio e ha perso l’Alleanza (che il Padre stesso sancì come “perenne”) a causa dell’infedeltà dei suoi ministri. Un’infedeltà che è proseguita nonostante i numerosi avvertimenti e ammonimenti del Padre a convertirsi. Gli avvertimenti non sono stati ascoltati e il Padre li ha puniti rompendo l’Alleanza, stipulandola con altri.

Così come avvenuto allora, tutto ciò ora nuovamente già è.

Nella celebrazione della festa dell’Annunciazione Bergoglio apertamente contraddice se stesso (egli infatti in precedenza ha affermato che l’alleanza del popolo ebraico con Dio non è mai stata revocata; che Dio perdona tutto e Dio perdona sempre; che Gesù è gratis, la salvezza è gratis; che Dio ci ha salvato gratuitamente e l’essenza della salvezza non deriva dal fare il bene; che la cosa che a Dio piace di più è perdonare i suoi figli; ha detto ho tante cose brutte dentro, è meglio, meglio; ha parlato della irrevocabilità dell’Antica Alleanza e l’amore costante e fedele di Dio per Israele; che la misericordia di Dio è indipendente dalla fede; che la salvezza si regala, è gratuita; o ancora cfr. l’alleanza con il popolo ebraico è abrogata “si, si” o “no, no”?; la vera e la falsa misericordia, mettendo in luce che nella storia di Dio la vera misericordia divina non è mai separata dalla misericordiosa giustizia divina, che è vicina, è qui.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi