Bergoglio non si immischia: tace e acconsente per favorire le famiglie gay e il nuovo dis-ordine mondiale

 

A) Testo del discorso:

Il governo ha le sue logiche, le sue esigenze, probabilmente avrà anche le sue ragioni, ma il voto di fiducia, non solo per questo governo ma anche per quelli passati, spesso rappresenta una sconfitta per tutti” (Nunzio Galantino, segretario generale della CEI, alla vigilia dell’approvazione del Parlamento italiano della legge che istituisce le unioni civili, 10 maggio 2016)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Inoltre vi dico: Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio” (Lc 12,8-9)

Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Ts 2,3-4)

Il mistero dell’iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene. Solo allora sarà rivelato l’empio e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà all’apparire della sua venuta, l’iniquo, la cui venuta avverrà nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri, e con ogni sorta di empio inganno per quelli che vanno in rovina perché non hanno accolto l’amore della verità per essere salvi. E per questo Dio invia loro una potenza d’inganno perché essi credano alla menzogna e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all’iniquità” (2Ts 2,7-12)

 

C) Commento:

Quando deve difendere la vera famiglia, voluta da Dio Padre, Bergoglio non si immischia e lascia che siano altri a parlare al posto suo. Il segretario della Conferenza dei vescovi italiani, di fronte alla legge che istituisce le unioni civili nella Repubblica italiana (una legge che di fatto apre la strada all’istituzione delle famiglie gay) altro non sa dire che “il voto di fiducia spesso rappresenta una sconfitta per tutti“.

In questo caso per il portavoce dei vescovi italiani la sconfitta non è rappresentata dunque dalla legge approvata del Parlamento italiano che annulla la Legge di Dio in tema di famiglia. Ma la sconfitta, secondo il portavoce della chiesa di Bergoglio in Italia, è data dalle modalità in cui i parlamentari hanno votato la legge. Ciò che è grave non è l’approvazione della legge umana contraria alla legge divina ma la modalità con cui la legge è stata votata. Si comprende la gravità della situazione in cui si trovano tutti coloro che appartengono alla chiesa di Bergoglio?

Tutto ciò conferma che la chiesa di Bergoglio e dei suoi amici è priva della presenza dello Spirito di Dio. Se in quella casa vi fosse stata ancora la presenza dello Spirito di Dio, di fronte a una legge umana che annulla la Legge di Dio, i ministri di quella casa avrebbero combattuto, fino alla fine, fino alla morte, pur di difendere la Legge di Dio, che nella Famiglia naturale trova il fondamento e il pilastro di ogni società e di ogni civiltà.

Ma Bergoglio in questo caso non si immischia.

Quando invece si è trattato di demolire l’indissolubilità del matrimonio, Bergoglio si è immischiato totalmente e personalmente, per proclamare la sua nuova legge che consente all’uomo di separare ciò che Dio ha unito. Mai nessun uomo a capo della chiesa, insieme ai suoi amici, aveva osato tanto nella storia della chiesa stessa. Ma questo è il tempo che è stato profetizzato e che ora si sta compiendo. Eppure gli uomini e le donne, anche di chiesa, non se ne curano e vanno avanti come se nulla fosse.

Anche se Bergoglio ora dice di non volersi immischiare, in tema di omosessualità ha da tempo reso noto il suo pensiero. Bergoglio non condanna l’omosessualità (chi sono io per giudicare i gay, disse) e, non condannandola, nella sostanza la tollera, l’approva, per creare uno stato di disordine totale rispetto all’ordine naturale voluto da Dio, a cominciare proprio dall’annientamento del Pensiero di “Famiglia” voluto da Dio.

Bergoglio fa di tutto per promuovere il disordine, morale, sociale, religioso. Bergoglio vuole distruggere l’ordine universale creato da Dio per portare avanti in realtà un nuovo ordine globale che non è da Dio.

Bergoglio si adopera per promuovere con ogni mezzo un nuovo ordine mondiale che è in netto contrasto con l’ordine universale (cattolico) voluto da Dio.

Bergoglio promuove questo nuovo ordine mondiale non in modo aperto e trasparente, manifestando il suo progetto con chiarezza. Bergoglio lo fa con l’inganno, facendo credere ai cristiani addormentati e addomesticati nella coscienza di fare in realtà cosa gradita a Dio. Ecco la sua nuova religione in cui tutto ruota intorno alla parola ‘amore’: un ‘amore’ umano dove Cristo non è centro, dove Cristo, mischiato tra altri simboli, di fatto è annullato.

Ecco perché tante persone sono cadute e sono tutt’ora vittime dell’inganno.

Ecco perché il parlare di Bergoglio non è mai “sì, sì” e “no, no”.

Ecco perché Bergoglio a volte dice una cosa e altre volte dice l’esatto contrario di quanto detto in precedenza: per confondere e ingannare le persone, che si fidano di lui per il solo fatto che egli indossa l’abito bianco. Ma l’abito, come si sa, non fa il monaco. Sono i fatti e la coerenza con gli insegnamenti del Vangelo e di Cristo che consentono di giudicare la santità vera. La vera santità conduce a Cristo. Gli insegnamenti e i comportamenti di Bergoglio allontanano dalla sacra Scrittura e da Cristo.

Ecco l’astuzia del nemico di Dio, che ha trovato la via più facile per attuare il suo piano rivoluzionario per contrastare il Piano di Salvezza di Dio. Il nemico di Dio è riuscito ad insinuarsi e ad entrare dove mai i veri cristiani gli avrebbero dovuto permettere di entrare: il nemico è entrato dentro casa. E quella casa da amica è divenuta nemica di Dio, Il Quale ha ritirato da quella casa il Suo Spirito, lo Spirito Santo. E una casa senza lo Spirito Santo, senza Dio, diviene una casa umanizzata, dove al centro non c’è più Dio ma un sistema di uomini, che nulla hanno a che fare con lo Spirito Santo. Perciò Bergoglio dice di sognare un nuovo umanesimo, di sognare cioè un mondo umanizzato, senza Dio. Affinché al centro del pensiero dei cristiani non ci sia più Dio ma un uomo che, a sua volta, porterà tutti al suo padrone, la prima Bestia, la quale, a sua volta, porterà tutti al Dragone, al Serpente Antico. E il cerchio si chiude.

La casa senza la presenza dello Spirito Santo, della Luce di Dio, diviene preda del buio ed è inevitabilmente destinata a cadere, a crollare, come San Giovanni, l’Apostolo dell’Amore, ha profetizzato nel Libro della Rivelazione, l’Apocalisse.

Qual è stato il primo progetto voluto da Dio Padre subito dopo la Creazione di tutte le cose? La Famiglia, unione dell’uomo e della donna.

Il nemico di Dio, nel suo assurdo ma tenace pensiero di voler sconfiggere Dio, attacca e cerca di demolire il primo progetto di Dio, il progetto che sta più a cuore a Dio: la Famiglia. Ecco allora il non immischiarsi per favorire le famiglie gay. Ecco l’immischiarsi per consentire di sciogliere agevolmente il matrimonio vero, quello tra un uomo e una donna.

Una volta compreso questo, è facile comprendere perché quando gli conviene Bergoglio si immischia per demolire la Famiglia e l’unione indissolubile del vincolo matrimoniale e quando non gli conviene invece non si immischia (si legga chi sono io per giudicare i gay?; Family Day da una parte, Bergoglio dall’altra; Family Day no, divorziati risposati si; La famiglia secondo coscienza; Bergoglio si immischia solo per distruggere la vera cristianità; la “laicità sana” di Bergoglio che annienta il primato per cristianesimo).

L’interesse personale di Bergoglio e del suo padrone è opposto all’interesse di Dio Padre e di Cristo.

Bergoglio tace e perciò acconsente alla legge che approva la famiglia gay.

Mai Bergoglio è sceso veramente in campo per difendere la Famiglia, quella naturale, fondata sull’unione tra un uomo e una donna, né coi fatti né con le parole. Bergoglio ha solo prodotto qualche estemporanea chiacchera, solo per far credere agli sprovveduti una falsa verità.

Mai Bergoglio ha dato prova di voler difendere il principio dell’indissolubilità del matrimonio, istituita e voluta da Gesù Cristo. Al contrario, Bergoglio ha scritto una nuova legge che, annullando la Legge di Dio, consente all’uomo di separare ciò che è unito da Dio (si legga La nuova legge di Bergoglio che annulla l’indissolubilità del matrimonio).

La realtà è che Bergoglio sta facendo di tutto per annullare la Legge di Dio, volendo distruggere la Famiglia naturale, per promuovere il nuovo dis-ordine mondiale voluto dal nemico di Dio.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi