“Non esiste il terrorismo islamico. Non esiste”

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

(…) L’altra è una riflessione che ho già fatto nel nostro ultimo incontro ma che mi sembra importante ripetere: nessun popolo è criminale e nessuna religione è terrori-sta. Non esiste il terrorismo cristiano, non esiste il terrorismo ebreo e non esiste il terrorismo islamico. Non esiste. Nessun popolo è criminale o narcotrafficante o violento. «Si accusano della violenza i poveri e le popolazioni più povere, ma, senza uguaglianza di opportunità, le diverse forme di aggressione e di guerra troveranno un terreno fertile che prima o poi provocherà l’esplosione» (Papa Francesco, Evangelii gaudium, n. 52). Ci sono persone fondamentaliste e violente in tutti i popoli e religioni che, tra l’altro, si rafforzano con le generalizzazioni intolleranti, si alimentano dell’odio e della xenofobia. Affrontando il terrore con amore lavoriamo per la pace. (…)” (Messaggio in occasione dell’incontro dei movimenti popolari a Modesto, California, 16-19 febbraio 2017)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura

Questo Gesù è la pietra che, scartata da voi, costruttori, è diventata testata d’angolo. In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale è stabi-lito che possiamo essere salvati” (At 4,11-12)

Signori, cosa devo fare per esser salvato?”. Risposero: “Credi nel Signore Gesù e sarai salvato tu e la tua famiglia” (At 16,30-31)

Tutti i profeti gli rendono questa testimonianza: chiunque crede in lui ottiene la remissione dei peccati per mezzo del suo nome” (At 10,43)

Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; per il dilagare dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà. Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato” (Mt 24,11-13)

 

C) Commento:

Bergoglio afferma che “non esiste il terrorismo islamico. Non esiste”. Incredibile.

Anche i bambini sanno che il terrorismo islamico esiste davvero. Tutti sanno che il terrorismo islamico quotidianamente uccide bambini innocenti in diversi nazioni del mondo. In Iraq, in Siria e in tante altre nazioni vi è una guerra quotidiana in atto contro i terroristi islamici. I terroristi islamici hanno compiuto attentati in varie parti del mondo. I terroristi islamici hanno ucciso tanti uomini e donne che sono considerati “infedeli”, perché non vogliono convertirsi all’islam.

Tanti sono i cristiani che sono stati uccisi dai terroristi islamici. Nonostante ciò, Bergoglio ha sempre difeso l’Islam, andando contro i cristiani (cfr. “La chiesa di Bergoglio madre dei mussulmani, matrigna dei cristiani”; e “Il Terrorismo islamico e la “violenza cattolica””). Dopo l’attentato di Parigi, Bergoglio giustificò il gesto dei terroristi dicendo pubblicamente: “Se un amico mi dice una parolaccia… gli arriva un pugno! È normale!”.
Bergoglio continuamente incoraggia ad accogliere i mussulmani nelle nazioni a prevalenza cristiana, così da favorire una situazione di conflittualità sempre più forte. Da una parte Bergoglio incoraggia i cristiani ad accogliere i migranti di fede mussulmana; dall’altra, nei casi di violenza, è il primo a difendere i mussulmani, invitando i cristiani a subire passivamente. Più volte Bergoglio ha difeso l’invasione mussulmana in atto (cfr. “l’invasione araba che rende i peccati bianchi come la neve”).

Così facendo, Bergoglio non fa altro che favorire un clima generale di caos e di odio tra i popoli. Una volta causato ciò, Bergoglio stesso si proporrà come il salvatore dei conflitti, proponendo a tutti la sua soluzione di pace apparente: la sua nuova religione mondiale. Un progetto umano che tradisce il Progetto di Salvezza divino voluto da Dio.

Per i veri cristiani la Salvezza si compie solo e soltanto in Cristo e non in una ammucchiata di tutte le religioni mondiali dove tutti pregano un generico dio.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi