Bergoglio insulta il profeta Giona: ”Testardo, rigido, pusillanime; malato”

 

A)     Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

(…) Innanzitutto c’è Giona, «un testardo che vuole insegnare a Dio come si devono fare le cose». Infatti, «quando il Signore lo inviò a predicare la conversione alla città di Ninive», egli se ne andò «con una nave in direzione opposta». Cioè «scappava dalla missione che Dio gli aveva confidato e gli aveva affidato». (…) Giona si arrabbiò, perché il Signore aveva perdonato la città: “No, tu mi hai mandato, io ho predicato. Adesso tu devi fare quello che avevi detto”». Emerge qui il fatto che Giona «era un testardo, ma più che testardo, era un rigido; era malato» di «rigidità dell’anima». (…) «I testardi di anima, i rigidi, non capiscono cosa sia la misericordia di Dio. Sono come Giona: “Dobbiamo predicare questo, che questi vengano puniti perché hanno fatto del male e devono andare all’inferno». I rigidi, cioè, «non sanno allargare il cuore come il Signore. I rigidi sono pusillanimi, con il piccolo cuore chiuso, attaccati alla nuda giustizia». Soprattutto, ha aggiunto, i rigidi «dimenticano che la giustizia di Dio si è fatta carne nel suo Figlio, si è fatta misericordia, si è fatta perdono; che il cuore di Dio è sempre aperto al perdono. (…)” (Omelia, Casa Santa Marta, 10 ottobre 2017)

 

B)     Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Figlioli, questa è l’ultima ora. Come avete udito che deve venire l’anticristo, di fatto ora molti anticristi sono apparsi. Da questo conosciamo che è l’ultima ora. Sono usciti di mezzo a noi, ma non erano dei nostri; se fossero stati dei nostri, sarebbero rimasti con noi; ma doveva rendersi manifesto che non tutti sono dei nostri” (1Gv 2,18-19)

 

C)     Commento:

Può un pontefice della cristianità insultare senza pietà un profeta di Dio? Può un uomo di Dio offendere un profeta di Dio chiamandolo “testardo”, “rigido”, “pusillanime” (che significa vile, meschino) e “malato”? Se Bergoglio fosse animato dallo Spirito Santo, dalla sua bocca potrebbero uscire questi insulti rivolti a un profeta della storia di Dio?

Questo basta per capire che lo Spirito Santo non è in Bergoglio. E se in Bergoglio non vi è lo Spirito Santo, vi è un altro spirito, che santo non è. E se in Bergoglio non vi è lo Spirito di Cristo ma uno spirito anti-Cristo, allora si comprende il perché Bergoglio insulta e offende Cristo (cfr. Sulla croce Gesù “si è fatto diavolo”, “Gesù… si è fatto come un serpente, brutto che fa schifo”), la Madonna (cfr. La Madonna era umana e forse aveva voglia di dire al Signore: “Bugie! Sono stata ingannata!”Bergoglio dice della Madre di Dio: ”Maria stava nel buio più fitto”), i santi e i profeti della storia di Dio (cfr. Difendiamo la vita dei Santi).




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi