Lutero glorificato, la vera Chiesa perseguitata

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

Tilmann Kleinjung – Adr:
Sì, anch’io sono in partenza per la Baviera. Grazie per poter fare questa domanda. “Zu viel Bier, zu viel Wein”. Heiliger Vater, io volevo farLe una domanda: Lei oggi ha parlato dei doni condivisi delle Chiese, insieme. Visto che Lei andrà – fra quattro mesi – a Lund per commemorare il 500ª anniversario della Riforma, io penso che forse questo è il momento giusto anche per non ricordare solo le ferite da entrambe le parti, ma anche per riconoscere i doni della Riforma, e forse anche – e questa è una domanda eretica – per annullare o ritirare la scomunica di Martin Lutero o di una qualsiasi riabilitazione. Grazie.
Papa Francesco:
Io credo che le intenzioni di Martin Lutero non fossero sbagliate: era un riformatore. Forse alcuni metodi non erano giusti, ma in quel tempo … vediamo che la Chiesa non era proprio un modello da imitare: c’era corruzione nella Chiesa, c’era mondanità, c’era attaccamento ai soldi e al potere. E per questo lui ha protestato. Poi era intelligente, e ha fatto un passo avanti giustificando il perché faceva questo. E oggi luterani e cattolici, con tutti i protestanti, siamo d’accordo sulla dottrina della giustificazione: su questo punto tanto importante lui non aveva sbagliato. Lui ha fatto una “medicina” per la Chiesa, poi questa medicina si è consolidata in uno stato di cose, in una disciplina, in un modo di credere, in un modo di fare, in modo liturgico. Ma non era lui solo: c’era Zwingli, c’era Calvino… E dietro di loro chi c’era? I principi, “cuius regio eius religio”. Dobbiamo metterci nella storia di quel tempo. E’ una storia non facile da capire, non facile. … Secondo: lavorare per i poveri, per i perseguitati, per tanta gente che soffre, per i profughi… Lavorare insieme e pregare insieme. E che i teologi studino insieme, cercando… Ma questa è una strada lunga, lunghissima. Una volta ho detto scherzando: “Io so quando sarà il giorno dell’unità piena” – “Quale?” – “Il giorno dopo la venuta del Figlio dell’uomo!”. Perché non si sa… Lo Spirito Santo farà questa grazia. Ma nel frattempo bisogna pregare, amarci e lavorare insieme, soprattutto per i poveri, per la gente che soffre, per la pace e tante altre cose, contro lo sfruttamento della gente… Tante cose per le quali si sta lavorando congiuntamente” (Conferenza stampa durante il viaggio di ritorno dall’Armenia, 26 giugno 2016)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Devi anche sapere che negli ultimi tempi verranno momenti difficili. Gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanitosi, orgogliosi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, senza religione, senza amore, sleali, maldicenti, intemperanti, intrattabili, nemici del bene, traditori, sfrontati, accecati dall’orgoglio, attaccati ai piaceri più che a Dio, con la parvenza della pietà, mentre ne hanno rinnegata la forza interiore. Guardati bene da costoro! Al loro numero appartengono certi tali che entrano nelle case e accalappiano donnicciole cariche di peccati, mosse da passioni di ogni genere, che stanno sempre lì ad imparare, senza riuscire mai a giungere alla conoscenza della verità” (2Tm 3,1-7)

 

C) Commento:

Lutero ha protestato, dice Bergoglio, perché a quel tempo la Chiesa era corrotta. E così dicendo, Bergoglio giustifica “la protesta” di Lutero, che era, dice Bergoglio, “intelligente”. Quindi, Bergoglio lascia intendere che, dato che la Chiesa era corrotta, Lutero non ha avuto, in fondo, tutti i torti a protestare, anzi. Tuttavia non dice che Lutero non crede nel Mistero della “Transustanziazione” (il Mistero eucaristico del Pane e del Vino che, per opera dello Spirito Santo, è vero Corpo e Sangue di Cristo); non crede al Mistero di Maria Vergine Madre di Dio, l’Immacolata e Assunta in Cielo, la Corredentrice, la Regina del Cielo e della Terra, la Madre universale.

Ma per Bergoglio tutto ciò non conta: il Mistero del Corpo e del Sangue di Cristo, il Mistero di Maria… Perdite di tempo che anziché unire dividono. Meglio “lavorare… per i profughi“, dice Bergoglio nell’intervista.

Tutto è umanizzato. La divinità annullata. L’essenza e la sostanza della cristianità autentica ripudiata e schernita. Per Bergoglio e i suoi ministri ciò che conta è unire tutti nella diabolica nuova “religione” mondiale.

Oggi la chiesa di Roma è molto più corrotta. I problemi di oggi sono ben più gravi della corruzione che la chiesa romana affrontò al tempo di Lutero. La corruzione è di natura economica e morale, ma soprattutto dottrinale, di chi ha tradito lo Spirito Santo, annullando Cristo, per adorare e servire lo spirito dell’anti-cristo.

Oggi più di ieri tutti i problemi legati alla corruzione sono irrisolti.

Gli scandali finanziari legati alla scandalo dello Ior, la banca vaticana: irrisolti. Bergoglio ha solo saputo e voluto istituire una moltitudine di inutili “commissioni” e nuovi organismi, dei quali egli stesso illustra le finalità: “C’era un presidente dell’Argentina che diceva, e consigliava agli altri presidenti degli altri Paesi: quando tu vuoi che una cosa non si risolva, fai una commissione!” (Bergoglio, Conferenza stampa durante il viaggio di ritorno dall’Armenia, 26 giugno 2016).

L’omosessualità dilagante all’interno del clero, anche a danno dei giovani seminaristi, coperta e giustificata dai vertici della chiesa: irrisolti; al contrario, in aumento e fuori controllo perché giustificati e incoraggiati (Bergoglio nella conferenza stampa in aereo non solo ha confermato la sua affermazione del “chi sono io per giudicare i gay?” ma ha delirato, dichiarando che la chiesa tutta deve scusarsi con la comunità gay).

La pedofilia, il più grave e efferato crimine contro l’umanità intera, perpetrato a danni di innocenti, vittime sacrificali di passioni impure e orrendi e macabri rituali che si compiono nell’oscurità celata: irrisolto.

C’è molto altro ma ciò è sufficiente per far comprendere che la “corruzione” della chiesa romana di oggi è ben più grave della “corruzione” al tempo di Lutero che Bergoglio giustifica.

Quindi, da una parte Bergoglio giustifica la protesta di Lutero e si appresta a rendergli onore; dall’altra Bergoglio e la sua chiesa si accanisce contro i figli della Nuova Gerusalemme, colpevoli di protestare contro la chiesa romana, che ha tradito lo Spirito Santo e ha svenduto e barattato il Sacrificio di Cristo, per dare vita ad una nuova falsa religione mondiale non più fondata su Cristo.

La chiesa romana non difende più il vero magistero della Chiesa di Cristo ma cura e difende solo la propria parola, il proprio potere, la propria immagine: un’immagine vuota e svuotata di ogni sentimento e di ogni pensiero santo, divenendo un vaso vuoto, dove non vi è più quel terreno fertile dove porre il seme della Bontà di Dio (www.nuovagerusalemme.it/IsolaBianca.html).

Dio Padre Onnipotente purificherà con il Suo Fuoco Santo ciò che è impuro, per dare vera testimonianza della presenza dello Spirito Santo in coloro che annunciano con coraggio, forza ed efficacia dove Dio è: Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi