L’ecumenismo di Bergoglio: una celebrazione vale l’altra

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

Domanda: La chiesa All Saints iniziò con un gruppo di fedeli britannici, ma è ormai una Congregazione internazionale con gente proveniente da diversi Paesi. In alcune regioni dell’Africa, dell’Asia o del Pacifico, i rapporti ecumenici tra le Chiese sono migliori e più creativi che qui in Europa. Cosa possiamo imparare dall’esempio delle Chiese del Sud del mondo?

Risposta del Papa: Grazie. E’ vero. Le Chiese giovani hanno una vitalità diversa, perché sono giovani. (…) E poi, la mia esperienza. Io ero molto amico degli anglicani a Buenos Aires, perché la parte di dietro della parrocchia della Merced era comunicante con la cattedrale anglicana. Ero molto amico del Vescovo Gregory Venables, molto amico. Ma c’è un’altra esperienza: nel nord dell’Argentina ci sono le missioni anglicane con gli aborigeni e le missioni cattoliche con gli aborigeni, e il Vescovo anglicano e il Vescovo cattolico di là lavorano insieme, e insegnano. E quando la gente non può andare la domenica alla celebrazione cattolica va a quella anglicana, e gli anglicani vanno alla cattolica …. E qui la Congregazione per la Dottrina della Fede lo sa. E fanno la carità insieme. E i due i Vescovi sono amici e le due comunità sono amiche. Credo che questa sia una ricchezza che le nostre Chiese giovani possono portare all’Europa e alle Chiese che hanno una grande tradizione. (…) E’ più facile l’ecumenismo lì, è più facile, cosa che non vuol dire più superficiale, no, non è superficiale. Loro non negoziano la fede e l’identità. Quell’aborigeno ti dice nel nord Argentina: “Io sono anglicano”. Ma non c’è il vescovo, non c’è il pastore, non c’è il reverendo… “Io voglio lodare Dio la domenica e vado alla cattedrale cattolica”, e viceversa. Sono ricchezze delle Chiese giovani. Non so, questo mi viene da dirti“.” (Incontri con la comunità anglicana nella chiesa “All Saints”, Roma, 26 febbraio 2017)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura

Chi va oltre e non si attiene alla dottrina del Cristo, non possiede Dio. Chi si attiene al-la dottrina, possiede il Padre e il Figlio. Se qualcuno viene a voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa e non salutatelo; poiché chi lo saluta partecipa alle sue opere perverse” (2Gv 9-11)

Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo” (Ef 4, 4-5)

Come infatti il corpo, pur essendo uno, ha molte membra e tutte le membra, pur essendo molte, sono un corpo solo, così anche Cristo” (1Cor 12,12)

 

C) Commento:

L’ecumenismo secondo Bergoglio è chiaro e semplice: una celebrazione vale l’altra. Questo il pensiero teologico di Bergoglio, che conferma il suo progetto di unire tutte le religioni esistenti in una nuova religione mondiale, che non mette più al centro Cristo ma l’unione dei cristiani prima e delle altre religioni poi, per credere in un generico “dio” che non è Cristo, il Figlio del Dio vivente.

Lo Spirito del Padre si manifesta nella Chiesa di Cristo. E la Chiesa di Cristo è quella in cui è vivo lo Spirito del Padre. Così, nella Chiesa di Cristo si rispettano i veri insegnamenti del Dio Uno e Trino, Padre, Figlio e Spirito Santo. E la Chiesa di Cristo è Una. E’ Santa. E’ Universale. Non sono né due, né tre, né quattro, né altre. Ogni cristiano che vuole rimanere autentico deve conoscere, senza incertezze, dove è la Verità, per poterla seguire e mettere in pratica. E la Verità è Una e Assoluta, come insegna Gesù; e non relativa, come invece insegna Bergoglio (cfr. Non c’è, nemmeno per chi crede, una Verità assoluta)

Quindi, quando Bergoglio lascia intendere che nel percorso di unità tra i cristiani una celebrazione vale l’altra, inganna i veri cristiani.

Nella chiesa anglicana vi sono regole e leggi che sono in contrasto con la vera dottrina cristiana. Nella chiesa anglicana l’omosessualità è ammessa. Sono ammessi i sacerdoti che si dichiarano omosessuali e sono ammessi i matrimoni tra omosessuali. Ma i veri cristiani sanno che l’omosessualità è un peccato grave, è abominio.

Nella chiesa anglicana da una parte non si crede in Maria “Immacolata Concezione”; dall’altra le donne possono divenire “ministro”. Tutto ciò contrasta con il vero insegnamento di Dio. La donna nella Chiesa di Cristo ha un ruolo fondamentale. Maria è la chiave che apre le porte al Mistero della salvezza. Maria, l’Immacolata Concezione, la senza macchia, è l’esempio di purezza e di santità per ogni donna. Ma la donna, nella chiesa di Cristo, non può divenire “ministro”. L’uomo e la donna, nella chiesa di Cristo, hanno pari dignità pur esercitando ruoli diversi, sull’esempio di Cristo e Maria.

Bergoglio inganna coloro che vogliono rimanere cristiani autentici. Non si possono unire le varie religioni sacrificando e mortificando i veri insegnamenti di Dio. Quindi, è evidente che lo spirito che è in Bergoglio non è santo ma è anti-cristiano, perché inganna i cristiani, facendo credere che una chiesa, una celebrazione, vale l’altra.

Lo Spirito Santo guida i cuori alla vera unione, che si compie nella Chiesa di Cristo, Una, Santa e Universale: Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi