Bergoglio, l’Europa e i trattati di Roma: la “centralità dell’uomo”, non di Dio

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

(…) Qual è allora l’ermeneutica, la chiave interpretativa con la quale possiamo leggere le difficoltà del presente e trovare risposte per il futuro? La rievocazione del pensiero dei Padri sarebbe infatti sterile se non servisse a indicarci un cammino, se non diventasse stimolo per l’avvenire e sorgente di speranza. Ogni corpo che perde il senso del suo cammino, cui viene a mancare questo sguardo in avanti, patisce prima un’involuzione e a lungo andare rischia di morire. Quale dunque il lascito dei Padri fondatori? Quali prospettive ci indicano per affrontare le sfide che ci attendono? Quale speranza per l’Europa di oggi e di domani?
Le risposte le ritroviamo proprio nei pilastri sui quali essi hanno inteso edificare la Comunità economica europea e che ho già ricordati: la centralità dell’uomo…. A chi governa compete discernere le strade della speranza – questo è il vostro compito: discernere le strade della speranza – , identificare i percorsi concreti per far sì che i passi significativi fin qui compiuti non abbiano a disperdersi, ma siano pegno di un cammino lungo e fruttuoso.
L’Europa ritrova speranza quando l’uomo è il centro e il cuore delle sue istituzioni. Ritengo che ciò implichi l’ascolto attento e fiducioso delle istanze che provengono tanto dai singoli, quanto dalla società e dai popoli che compongono l’Unione” (Discorso ai capi di stato e di governo dell’Unione Europea, 60anniversario della firma dei Trattati di Roma, Sala Regia, 24 marzo 2017)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, che pone nella carne il suo sostegno 
e il cui cuore si allontana dal Signore” (Ger 17,5)

Infatti nessuno può porre un fondamento diverso da quello che già vi si trova, che è Gesù Cristo” (1Cor 3,11)

Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, e avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù” (Ef 2,19-20)

Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso
la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso
facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l’ha esaltato
e gli ha dato il nome
che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre” (Fil 2,5-11)

 

C) Commento:

Bergoglio nell’incontro con i Capi di governo dei Paesi dell’Unione Europea parla della “centralità dell’uomo” come speranza per l’Europa di oggi e di domani.

Ma per i veri cristiani la vera speranza di oggi e di domani è Cristo, l’Uomo Dio, la Pietra, il fondamento su cui si fonda tutto. L’uomo che confida nell’uomo e si allontana dal Signore e dalla Sua Legge è destinato a perire. Solo in Cristo vi è la vera salvezza.

Già in passato Bergoglio aveva parlato ai massimi esponenti europei manifestando il suo reale pensiero riguardante la “centralità dell’uomo”. Bergoglio disse: «Sogno un nuovo umanesimo europeo, un costante cammino di umanizzazione» (cfr. Bergoglio si immischia per realizzare il suo sogno: un nuovo umanesimo, un mondo senza Dio). Quindi Bergoglio non sogna di “divinizzare” l’umanità portandola a Cristo ma al contrario sogna di “umanizzare” l’umanità allontanandola da Cristo. Cristo è sceso dal Cielo per innalzare l’umanità al cospetto di Dio, come dice San Paolo.

La differenza tra l’umanesimo insegnato da Bergoglio e il cristianesimo insegnato da Gesù è totale. Gesù è sceso dal Cielo per portare tutti gli uomini di buona volontà al Cielo. Bergoglio, colui che dichiara di venire dalla fine del mondo, è salito al potere per condurre gli uomini verso il baratro, per allontanare tutti dalla vera religione, dal vero cristianesimo, per promuovere una nuova religione mondiale dove Cristo non è più centro, dove Cristo non è più pietra angolare ma è nuovamente scartato.

La crisi dell’Europa è dovuta principalmente al fatto che l’Europa ha rinnegato le proprie radici cristiane. L’Europa si è umanizzata e ha perso il contatto con la divinità. L’uomo ha usato la libertà donatagli da Dio per promuovere leggi umane contrarie alla vera Legge di Dio. Per la legge umana è lecito uccidere degli innocenti, già prima della loro nascita. Per la legge umana è lecito, nella sofferenza, decidere di poter morire. Per la legge umana è lecito consentire che due uomini o due donne possano unirsi ed essere “famiglia”, stravolgendo il concetto e il modello di famiglia naturale voluto da Dio nella creazione. Per la legge umana è lecito che una donna possa “affittare” una parte di sé per far nascere figli da dare ad altri, o far nascere figli in laboratori, senza che i figli possano conoscere i loro genitori naturali.

Solo tornando a Cristo, vero Uomo e vero Dio, e ai Suoi insegnamenti i paesi dell’Unione Europea potranno ritrovare la vera speranza e tornare a vivere. Questo è ciò che un vero cristiano dovrebbe proclamare ai capi di stato dei Paesi del mondo intero che vogliono tornare ad essere protagonisti nella storia di salvezza dell’umanità.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi