“Ad un certo momento ho sentito il bisogno di consultare una psicoanalista ebrea”

 

A)     Testo del discorso :

CITTÀ DEL VATICANO – Si sente imprigionato nella gabbia di Santa Marta (parole sue) eppure Papa Bergoglio dimostra di possedere anche una grande, grandissima libertà interiore. Al punto da confessare apertamente, pubblicamente, di essersi sottoposto per un certo periodo della sua vita ad una terapia psicoanalitica. … . «Ad un certo momento ho sentito il bisogno di consultare un analista. Una psicanalista ebrea. Durante sei mesi sono andato nel suo studio una volta la settimana per schiarirmi alcune cose. E’ stata una professionista valida, molto professionale come medico e come psicanalista, sempre rimasta al suo posto».
La confessione – piuttosto insolita per un Papa – appare tra i dialoghi di un libro-intervista di prossima uscita realizzato da un noto politologo francese, Dominique Wolton, autore di diversi saggi sulla comunicazione. Il professor Wolton negli ultimi due anni è volato a Roma ben 12 volte in compagnia di un sacerdote che gli ha fatto da interprete, visto che Bergoglio non parla francese. Bergoglio che di Wolton aveva apprezzato una vecchia opera dedicata al cardinale Lustiger si è lasciato scandagliare, approfondendo ogni aspetto della sua visione del mondo, della politica, dell’Islam, tratteggiando i suoi orizzonti, i progetti più urgenti e, naturalmente, affrontando i nodi relativi al suo passato. Una conversazione senza precedenti, ricca di spunti, mai banale anticipata quasi integralmente da Le Figaro. … In questo passaggio della conversazione viene definitivamente sdoganata la psicanalisi, il cui rapporto con la Chiesa non è sempre stato dei migliori, forse perché la disciplina analitica aveva finito per soppiantare secoli di riflessione cattolica sulla psiche. Solo nel 1961 l’ex Sant’Uffizio vietava ai preti di ricorrere all’analisi. (…)
” (Il Messaggero, 1 settembre 2017)

 

B)     Riferimenti alla Sacra Scrittura

Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, che pone nella carne il suo sostegno e il cui cuore si allontana dal Signore. Benedetto l’uomo che confida nel Signore e il Signore è sua fiducia” (Ger 17,5-7)

Poiché sole e scudo è il Signore Dio; il Signore concede grazia e gloria,
non rifiuta il bene
a chi cammina con rettitudine. Signore degli eserciti,
beato l’uomo che in te confida” (Salmo 84,12-13)

Chi confida nel Signore è come il monte Sion: non vacilla, è stabile per sempre” (Salmo 125,1)

Confida nel Signore e fa’ il bene; abita la terra e vivi con fede. Cerca la gioia del Signore, esaudirà i desideri del tuo cuore” (Salmo 37,3-4)

Voi che temete il Signore, confidate in lui; il vostro salario non verrà meno” (Sir 2,8)

Nell’angoscia ho gridato al Signore,
mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo. È meglio rifugiarsi nel Signore che confidare nell’uomo. È meglio rifugiarsi nel Signore che confidare nei potenti” (Salmo 118,5-8-9)

Confidate nel Signore sempre, perché il Signore è una roccia eterna” (Is, 26,4)

Confida nel Signore la casa di Aronne: egli è loro aiuto e loro scudo. Confida nel Signore, chiunque lo teme: egli è loro aiuto e loro scudo. Il Signore si ricorda di noi, ci benedice: benedice la casa d’Israele,
benedice la casa di Aronne” (Salmo 115, 10-12)

 

C)     Commento:

Bergoglio in uno dei frequenti momenti di buio in cui è caduto (e continua a cadere) ha fatto ricorso ad una psicoanalista, di fede e religione ebraica. Ogni commento appare superfluo. Ma perché un consacrato in Cristo deve andare da una psicoanalista di fede ebraica? La risposta è semplice: perché Bergoglio non è consacrato a Cristo. Bergoglio, per sua stessa ammissione, non crede nel Dio cattolico, nell’Uomo Dio, Cristo. Bergoglio crede in un altro spirito, non cattolico, non universale. Bergoglio crede in uno spirito che vuole unire tutte le religioni in una nuova religione mondiale, dove vi sono anche gli ebrei, i mussulmani, i buddisti e gli induisti. In questa nuova religione mondiale Cristo non c’è più.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi