I frutti dell’apostasia di Bergoglio e della chiesa di Roma: la curia di Firenze cede il terreno per far costruire una grande moschea

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

Una nuova moschea nascerà su un terreno nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze), attualmente di proprietà della curia di Firenze. (…) L’operazione potrebbe dunque rappresentare una soluzione all’annosa questione della ricerca di un terreno su cui far sorgere il luogo di culto islamico, risoltasi per ora negativamente quanto a disponibilità di siti nel territorio comunale di Firenze. Un protocollo d’intesa che sarà firmato venerdì prevede che l’Arcidiocesi, ceda a titolo oneroso la proprietà dell’area alla Comunità musulmana della provincia di Firenze affinché possa realizzarvi una moschea e un centro culturale islamico. Contestualmente l’Arcidiocesi otterrà, a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell’Università nell’area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare un centro religioso. Ma l’imam spiega: “Continuiamo a cercare un posto per la moschea di Firenze: quella di Sesto è la moschea di Sesto“, ha detto a Lady Radio il presidente dell’Ucoii Izzedin Elzir. “Abbiamo una moschea a Campi, una a Borgo San Lorenzo e anche i fratelli di Sesto hanno bisogno, per cui si farà questo accordo – ha aggiunto – Ma al tempo stesso resta l’intenzione di realizzare una moschea anche nel perimetro del comune di Firenze. “Stiamo lavorando ma purtroppo ancora non abbiamo la risposta”.
Per il terreno individuato, in via Pasolini, il regolamento urbanistico prevede già la realizzazione di edifici per il culto e le attività a carattere religioso. L’area che sarà ceduta dall’Arcidiocesi ha una superficie di 8.300 metri quadrati, sui quali possono essere realizzati fino a 2.500 mq di fabbricati per attività religiose. (…). “Offrendo la propria disponibilità a questa iniziativa, l’Arcidiocesi di Firenze conferma il proprio impegno per il rispetto e l’ascolto delle altre fedi e tradizioni religiose, in ossequio a quanto insegnato dal Concilio Ecumenico Vaticano II, ribadendo la centralità della libertà religiosa quale radice di ogni altro diritto e di ogni altra libertà …”».(…)” (La Repubblica, ed. Firenze, 14 dicembre 2017)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Perché, se fate apostasia e vi unite al resto di queste nazioni che sono rimaste fra di voi e vi imparentate con loro e vi mescolate con esse ed esse con voi, allora sappiate che il Signore vostro Dio non scaccerà più queste genti dinanzi a voi, ma esse diventeranno per voi una rete, una trappola, un flagello ai vostri fianchi; diventeranno spine nei vostri occhi, finché non siate periti e scomparsi da questo buon paese che il Signore vostro Dio vi ha dato” (Gs 23,12-13)

Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Ts 2,3-4)

Quanto a quel profeta o a quel sognatore, egli dovrà essere messo a morte, perché ha proposto l’apostasia dal Signore, dal vostro Dio, che vi ha fatti uscire dal paese di Egitto e vi ha riscattati dalla condizione servile, per trascinarti fuori della via per la quale il Signore tuo Dio ti ha ordinato di camminare. Così estirperai il male da te” (Dt 13,6)

 

C) Commento:

Nel territorio di Firenze i mussulmani vogliono costruire una nuova moschea. Già ce ne sono altre (“una a Campi e una a Borgo San Lorenzo”), come ha confermato lo stesso responsabile mussulmano intervistato dal quotidiano italiano La Repubblica. Ma non basta. I mussulmani chiedono di costruire una nuova moschea a Firenze.

Il problema lo risolve allora la diocesi di Firenze, che cede un’area (di 8.300 metri quadrati) già pronta per poter edificare strutture di culto (per 2.500 metri quadrati di fabbricati) ma non per favorire la religione cristiana (come si aspetta ogni cristiano che dona, in vita o in morte, le proprie proprietà alla propria chiesa) ma per favorire la religione mussulmana.

L’arcidiocesi di Firenze ha spiegato di aver offerto “la propria disponibilità a questa iniziativa” che “conferma il proprio impegno per il rispetto e l’ascolto delle altre fedi e tradizioni religiose… ribadendo la centralità della libertà religiosa quale radice di ogni altro diritto e di ogni altra libertà”. Quindi per la chiesa di Firenze la “centralità” del proprio mandato non è quello di portare la religione cristiana a tutte le genti, come ha comandato Gesù, ma quello di “rispettare la libertà religiosa”.

Il responsabile della comunità mussulmana, anziché ringraziare per l’inaspettato aiuto ricevuto dall’Arcidiocesi di Firenze, ha però specificato che a Firenze si dovrà costruire comunque un’altra moschea.

Nei paesi di fede mussulmana nel resto del mondo non ci sono le stesse attenzioni e le stesse condizioni a favore dei cristiani, che sono in molti casi perseguitati e massacrati.

Così facendo la chiesa di Roma non favorisce la libertà religiosa ma svende Cristo e la cristianità, oltre che tradire la fiducia dei cristiani che, dopo aver fatto tanti sacrifici, hanno donato le proprie proprietà alla chiesa per favorire la diffusione della religione cristiana, non quella mussulmana o di altre confessioni religiose.

Bergoglio e la chiesa di Roma sono protagonisti della più grande apostasia della storia, preannunciata dalle Sacre Scritture e dai messaggeri che Dio ha inviato nel tempo.

Ora tutto ciò che è stato profetizzato si sta compiendo giorno dopo giorno sotto lo sguardo (sbigottito) dei veri cristiani, mentre la maggior parte dei cristiani tiepidi va avanti come se nulla fosse o, addirittura, giustificando ciò che è in atto perché, come insegna Bergoglio, siamo tutti figli di Dio.

Solo chi crede in Gesù ed è battezzato nel Suo Nome è figlio di Dio, non altri.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi