Lettera aperta di Simona Florio

 

Ciao sono Simona Florio, scrivo questa lettera per difendere la verità di questo luogo.Sono arrivata alla culla nella primavera del 2008, ho conosciuto Maria Giuseppina Norcia poco prima che andasse alla casa del padre e mi è bastato quel poco per comprendere che persona fosse, una donna umile, semplice, piena di amore.

Ho ancora vive nella mia mente e nel mio cuore il momento in cui lei mi indico Samuele dicendo queste parole: seguilo Lui è mio genero marito di mia figlia Anna lui continuerà quello che io ho iniziato. Samuele quel giovane che da tempo Maria Giuseppina Norcia aspettava ho avuto modo di conoscerlo in questi anni e posso dire che anche lui è una persona semplice  piena di amore pace e sincerità, che con fierezza e determinazione sta continuando a portare avanti ciò che aveva iniziato Maria Giuseppina Norcia.

Questo grande mistero d’amore lo si può comprendere soltanto se si apre il cuore alla viva azione dello Spirito Santo che qui in questa terra d’amore è vivo. In questo luogo santo ho ricevuto tante grazie fisiche e spirituali. Non smetterò mai di ringraziare tutti i ministri e le persone che portano avanti questo mistero. Concludo questa lettera rivolgendomi a tutte quelle persone che dopo tanti anni che hanno vissuto questo mistero hanno voltato le spalle a Dio dicendo ogni falsità e menzogna per mettere in cattiva luce questo luogo voluto da Dio. Io dico: Vergognatevi! Ognuno è libero di credere o non credere ma chiediamo rispetto per questa Santa Madre Chiesa.Per tutti quelli che stanno cercando la verità io dico: venite e vedete dov’è il dio vero uno e Trino.

Sora (FR), 19/02/2018

Simona Florio




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi