Lettera aperta di Salvatore Petrone

 

Mi chiamo Salvatore ho 35 anni e vivo in Provincia di Torino. Frequento la piccola culla dagli stessi anni più o meno; sono arrivato in questo luogo santo che ero un bambino. Nel corso degli anni ho avuto l’onore immenso di conoscere prima Maria G. NORCIA poi Samuele ed Anna. Viste le maldicenze, le gratuite offese e falsità di ogni tipo pronunciate nei confronti della famiglia esempio di UMILTA’, Il mio cuore rattristito, sente in dovere di difendere ed esprimere la vicinanza a questo luogo santo nonchè alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme. Per chi afferma che prima era una cosa ed adesso è un’altra, rispondo semplicemente dicendo: “Da allora NULLA è cambiato”. Nessuno mi ha MAI obbligato ad arrivare e permanere nel corso degli anni in questo luogo. Nessuno mi ha MAI fatto il lavaggio del cervello. Nessuno mai mi ha chiesto qualcosa in cambio. Davanti a quel bimbo a quella donna ed agli occhi di quel fratello, ha scelto sempre e solamente la voce irrefrenabile del mio cuore. Quanti consigli santi! Quanti sorrisi gratuiti! Come si fa ad offendere ed accusare Samuele, la sua sposa e la sua famiglia che incarnano virtù sante, di rettitudine, di esempio, di semplicità e soprattutto di costante invito alla preghiera, all’unione fraterna e rispetto dei dieci comandamenti. Ma di che cosa stiamo parlando! Per chi ha avuto l’ONORE di conoscere il nostro fratello Samuele, la sua famiglia e tutti gli altri fratelli che con immenso sacrifico portano avanti questo mistero, sa bene che si sta gettando su di loro fango alla rinfusa. Quello che stiamo vivendo non è nient’altro che la continuazione di quello che ha iniziato la SIGNORA Maria G. NORCIA. Le promesse del Padre fatte a quella donna non potevano esaurirsi in un tempo. Qui si è liberi nella totalità di credere o non credere, ma a nessuno è concesso di offendere, calunniare e denigrare coloro che liberamente hanno scelto di far parte di questo mistero d’AMORE e di REDENZIONE, anche perchè non è nel buon costume dei figli di DIO.

Torino, 02 febbraio 2018

PETRONE Salvatore




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi