Lettera aperta di Rosvaldo De Santis

 

La prima volta che sono salito su quel pullman in partenza da Roma, destinazione Gallinaro, è stato nel 1995 e subito ho avuto la prima testimonianza di fede e amore per Gesù da quell’uomo che ci accompagnava nel pellegrinaggio; un Amico, un Fratello e un Padre per me.
Poi l’arrivo alla Piccola Culla, che non ho mai smesso di frequentare, e la conoscenza di Giuseppina che con la sua dedizione e obbedienza al Padre, negli anni, ha dato vita a migliaia di conversioni, compresa la mia. Poi l’arrivo di quel giovane uomo, Samuele, promesso da Dio e atteso da tutti noi fedeli che riteniamo il naturale successore di Giuseppina alla guida del mistero di Dio e che opera con la stessa totale dedizione e amore della sua e nostra Madre spirituale: Maria Giuseppa Norcia.
Ora tutte le cattiverie, le calunnie, le menzogne e il fango riversate sulla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme, sulle famiglie di Samuele e di Giuseppina ci addolorano molto, ma noi sappiamo che tutte queste cose e molto di più prima di noi le ha sofferte il nostro Gesù, la Madonna e i Discepoli del tempo.
Forti di questo grande esempio, sorvoleremo tutto ciò e avanzeremo, per non perdere di vista il vero obiettivo: il Nuovo Regno e la Vita Eterna.
UNO PER TUTTI, TUTTI PER UNO.

Campagnano di Roma, 13 febbraio 2018

Rosvaldo De Santis




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi