Lettera aperta di Paola Piatti

 

Desidero dare testimonianza sulla mia appartenenza alla CHIESA UNIVERSALE DELLA NUOVA GERUSALEMME.

Nel 2001 mi recai per la prima volta in pellegrinaggio alla culla di Gesù Bambino. Ebbi così modo di conoscere mamma Giuseppina: la cosa che mi colpì subito fu la sua accoglienza, non mi aveva mai vista prima, ma i suoi occhi ed il suo atteggiamento nei miei confronti esprimevano tanto amore, un amore grande come mai avevo sperimentato.

Proseguii il mio cammino spirituale e conobbi così Samuele ed Anna; capii che non c’era discontinuità tra Giuseppina e loro, semplicemente continuavano con tanti sacrifici e santa abnegazione, la sua opera che Dio Padre aveva previsto per la salvezza dell’umanità intera.

In questa chiesa, a cui mi onoro di appartenere, ho trovato i veri valori del Cristianesimo che la mia anima ha riconosciuto come veri, essenziali ed autentici.

Il cammino cristiano che ho intrapreso insieme ai miei fratelli e sorelle in Cristo, non è facile (non ci si salva senza meriti e sacrifici), ma man mano che si procede si acquisisce sempre più la certezza di aver scelto la strada giusta per la propria realizzazione spirituale ed umana.

Grazie Giuseppina, grazie Samuele, grazie Anna per aver detto il vostro sì che ha permesso a tutti noi di aderire alla volontà di Dio.

Torino, 12 febbraio 2018

Piatti Paola




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi