Lettera aperta di Maurizio De Vivo

 

Sono arrivato alla piccola Culla di Gesù Bambino nel 1993 dopo uno “smarrimento” dal punto di vista spirituale (avendo frequentato le scuole medie in seminario). Gesù Bambino mi parlò al cuore donandomi pace e infondendomi illimitata fiducia in Lui, quella fiducia che avevo persa. Ebbi la Grazia di conoscere M.Giuseppina la depositaria di questo Grande Mistero, donna semplice e umile che mi accolse con un sorriso dolcissimo che solo una Mamma può donare, un sorriso che vale più di mille parole: iniziò per me il “miracolo” della Fede, una Fede vera, una Fede viva che in quest’angolo di Paradiso il Signore mi ha ridato e custodirò come un tesoro prezioso.

Con l’arrivo di Samuele, nell’anno 2000, il mio cammino è continuato in modo naturale, non ho riscontrato alcuna discontinuità o stonatura in quanto le virtù di M.Giuseppina le ho avvertite nel suo Figlio Spirituale. Posso dire tranquillamente di non essere plagiato, né di aver subito pressioni di alcun tipo, come alcuni vogliono insinuare. In questa Terra d’Amore Tutto mi è stato dato gratuitamente e mai rinnegherò ciò che ho ricevuto perchè non ha prezzo.

Casal di Principe, 03/02/2018

Maurizio De Vivo




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi