Lettera aperta di Mario Saracino

 

Mi chiamo Mario Saracino ed ho 41 anni, conosco e frequento la Culla da quando avevo 8-9 anni. Ho conosciuto Giuseppina per la donna umile, gentile e dolce che è sempre stata. Grazie al suo esempio e alle sue parole sempre rivolte a Dio ho imparato a conoscere i 10 Comandamenti e il significato di essere Cristiano. Ricordo anche i primi pellegrinaggi in cui è arrivato Samuele e come Giuseppina ci spronava ad ascoltarlo facendosi sempre più da parte, lasciando ben comprendere il ruolo del suo figlio Spirituale Samuele. E chi come me ha amato ed accettato il mistero di Maria Giuseppina Norcia non può che Amare ed accettare questo passaggio di consegne a Samuele Morcia, che con lo stesso Amore e dolcezza ci guida verso Dio Padre sempre nella più totale libertà di scelta. Non solo spinto dal mio cuore, ma anche dalla stessa logica, non posso che vedere continuità tra Maria Giuseppina e Samuele che hanno sempre parlato ad un’unica voce rivolta a Cristo.

Grazie all’esempio di Samuele e della sua sposa Anna, ho iniziato a vivere nella quotidianità i 10 comandamenti consapevole di poter scegliere liberamente se continuare a dirmi Cristiano o iniziare ad esserlo nella sostanza. In modo particolare per le scelte di vita Cristiana con la mia fidanzata Chiara. Per quanto difficili e per i più in controtendenza, sono sempre partite dalla nostra volontà di essere coerenti con gli insegnamenti di Cristo. Ma nulla viene ignorato dal Signore che ci ha ricoperto di Amore rendendo ogni scelta faticosa un giogo leggero e facendoci il dono di completare il nostro amore il 1 Ottobre 2017 realizzando il nostro desiderio di essere famiglia in Cristo.

Posso solo dire grazie a Dio per i doni che ci ha fatto, dalla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme di cui sono un fiero fedele, al nostro Pontefice Samuele che in ogni situazione e nonostante le cattiverie e falsità che gli vengono rivolte, ha sempre e solo parole di Amore e conforto per i figli di questa Chiesa senza nulla mai chiedere in cambio e lasciando ognuno nella piena libertà.

Torino, 3 Febbraio 2018

Mario Saracino




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi