Lettera aperta di Maria Gravina e Salvatore Fusco

 

Come fedeli della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme vogliamo con questa lettera testimoniare l’appartenenza a questa Chiesa della quale ci onoriamo di onoriamo di far parte da molto tempo.

Noi frequentiamo questo luogo da tanto… e siamo testimoni fedeli dei valori cristiani che vengono «difesi» da tutti i suoi partecipanti, infatti:
Il rispetto dei Dieci Comandamenti, l’importanza della preghiera, l’importanza dell’unione fraterna sono i «cardini» di questa fede con forza difendiamo questi valori e restiamo indignati da tutte le bugie, falsità, menzogne che ogni giorno siamo costretti ad ascoltare.

Quando una persona cambia cammino di fede è facile dimenticare quanto si è ricevuto in questo luogo e si rimane schiacciati dal proprio «io» rinnegando il vero Dio. Nella libertà bisogna avere il coraggio di andare avanti per la proprio strada senza puntare il dito contro tutto e tutti.

Ad alta voce gridiamo «basta» contro quelle persone che animate da intenti mendaci e a volte persino persecutori vogliono screditarci.

Esigiamo rispetto per la nostra fede, la nostra Chiesa e per il Sommo Pontefice Samuele Morcia che con perfetta continuità sta portando avanti il progetto di salvezza voluto da Dio iniziato da Giuseppina Norcia.

Modena, 30 gennaio 2018

Maria Gravina Salvatore Fusco




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi