Lettera aperta di Lorella Gallamini

 

Mi unisco ai tanti miei fratelli e sorelle per far sentire la mia voce in difesa di questo luogo Santo voluto da Dio per difendere la Purezza della Fede.

Grazie a quel “Si” di Maria Giuseppa Norcia prima e Samuele Morcia, nostro Pontefice, il disegno del Padre si sta compiendo.

Vengo alla Culla da 32 anni, ho conosciuto Maria G. Norcia, il suo Amore, la Carità, l,’Umiltà, la Dolcezza, la Semplicità, la Fortezza, amavo il mondo, vivevo il mondo, avevo dimenticato un particolare, “Cristo”, lei con il suo amore materno mi ha fatto nascere a vita nuova.

Il cammino non sempre è stato facile tra prove e sofferenze, ma lei mi ha preso per mano, guidato lungo la strada, preparato ed affidato a quel giovane arrivato nel 2000, Samuele Morcia.

Lui ci riporta a vivere l’essenza e la sostanza del Vangelo, dei 10 comandamenti, leggi fondamentali per poter essere veri uomini prima e Cristiani Autentici poi, la libertà dal peccato per poter volare, ed avvicinarci sempre di più a Dio Padre.

Ho amato Giuseppina ed amo Samuele e la sua famiglia nella totalità, nulla è cambiato da quando lei è stata richiamata al Padre, la mia fedeltà è rimasta la stessa, anzi oggi assaporo il profumo di Paradiso che si respira nella Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme voluta dal Padre e realizzata da Maria G. e Samuele.

Voglio testimoniare l’integrità e il sacrificio di questa Santa famiglia, che come ognuno di noi vive la quotidianità con tutti i suoi problemi, ma in più la responsabilità, il lavoro instancabile e costante verso Dio e fratelli.

Mi addolora sentire quante calunnie, menzogne contro coloro che hanno donato la propria vita al servizio di Dio per la realizzazione delle sue promesse, ma Gesù dice “Beati coloro che sono perseguitati a causa del mio nome, perché di essi è il Regno dei Cieli”.

Perché tutta questa malvagità contro chi vuole seguire in piena libertà e lucidità mentale un cammino di fede, fatto di preghiera, volto con lo sguardo verso Dio e i suoi insegnamenti per non farlo più soffrire?

Costoro non sanno cos’è l’amore, non hanno mai conosciuto né Maria G. né Samuele, né la sua famiglia, non hanno mai messo piede alla “NUOVA GERUSALEMME”, quindi come fanno a giudicare?

Chi invece l’ha vissuta e si è tirato indietro o è bugiardo ora o è stato bugiardo prima, non coerenti con se stessi.

Ogni scelta va rispettata, quindi tutto ciò è inaccettabile verso coloro che hanno donato la propria vita a questo Mistero d’Amore.

Sono fiera ed orgogliosa di far parte di questa grande e Santa Famiglia e a testa alta testimonio la mia appartenenza e fedeltà alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Prego affinché il padre renda la sua giustizia ai giusti e annienti il maligno, per far vincere e trionfare il Cuore Immacolato di Maria.

Dall’albero buono si vedono i frutti.

Grazie Maria G. e grazie Samuele.

Gallinaro,  27 gennaio 2018

                                                          Lorella Gallamini




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi