Lettera aperta di Gisella Palombo

 

Sono arrivata alla culla di Gesù Bambino nel 1990 insieme a mia sorella Enrica. In quel giorno fui colpita dalla semplicità di Maria Giuseppina. In quel momento mi sentii interiormente, come al cospetto di Dio, che mi ha impresso nel cuore fede e pace. Da quel momento, pur non frequentando assiduamente il luogo Santo, tutto rimase indelebilmente impresso nel mio cuore, ma dopo la salita al Cielo della Donna di Dio, ho avuto la grazia  d’incontrare  e di conoscere colui che, chiamato per volere divino a completare e realizzare il progetto d’Amore affidato inizialmente a Giuseppina, ha rinnovato e ravvivato la luce della fede vera che mi ha donato speranza, gioia e forza di avanzare con fiducia in questo cammino spirituale rimanendo fedele alla chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Latina, 27_01_2018

Gisella Palombo




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi