Lettera aperta di Giovanni Di Caprio

 

Mi chiamo Giovanni, mi unisco ai miei fratelli per testimoniare la mia appartenenza fedele alla Chiesa Cristiana Universale Della Nuova Gerusalemme, sono giunto alla Culla del Bambino Gesù di Gallinaro circa ventisette anni fa, l’ho frequentato prima da fidanzato e poi da sposato, adesso la vivo da genitore.

Ho conosciuto Maria Giuseppa Norcia e ho avuto l’onore di parlarci, una Donna umile con un cuore immenso, mi ha trasmesso tantissimo. La mia fede in questa Culla Santa tra canti e preghiere è cresciuta in modo esponenziale. Per me è stato come un viaggio nel tempo, tutto già disegnato da Dio, incompresi inizialmente i tanti messaggi ascoltati, i canti e le preghiere recitate, l’annunciazione del progetto di salvezza che il Padre Onnipotente aveva svelato al cuore di Mamma Giuseppina e che oggi suo figlio spirituale Samuele conduce con umiltà e abnegazione.

In questa Terra Santa, per volontà di Dio è nata La Chiesa Cristiana Universale Della Nuova Gerusalemme per accogliere i figli di Dio e gli uomini e donne di buona volontà. Nella Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme la presenza dello Spirito Santo è Vivo, gli insegnanti di Samuele e dei Ministri sono unici, rivolti a vivere il quotidiano in totale rispetto dei Dieci Comandamenti e agli insegnamenti di Gesù Cristo l’unica Via,Verità e Vita.

Oggi viviamo in un mondo malato in cui non esiste più alcun rispetto e moralità, dove Dio non ha più posto, dove ciò che è “bene” è visto come il “male”, allora che si alzano le voci dei (primi attori) divulgando odio, calunnie e maldicenze contro chi conduce il Progetto del Padre, contro la sua famiglia, contro i Ministri e i fedeli della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Provo sgomento che ci si scandalizzi innanzi a chi ha deciso nella libertà di vivere la santità della Chiesa Cristiana Universale Della Nuova Gerusalemme, mentre si è indifferenti a chi inganna i cuori dei semplici, a chi approfitta dei minori e delle donne, di chi tanto parla e poi nella sostanza… (chiude un occhio, fai come dico io e non fare come faccio io). Per non parlare delle nozze gay, adozione di minori da parte di coppie dello stesso sesso, i scandali della Chiesa di Roma (dove si tollerano i suoi orrori perché anche il prete è un essere umano e può sbagliare nell’operare).

Per coloro che sono in contraddizione, vogliate trovare il coraggio, venite alla Culla di Gesù Bambino per appurare la Verità.

Io liberamente e senza alcuna costrizione continuerò il cammino di santità con i fratelli che Dio mi ha messo vicino.

San Prisco (CE), 10 Febbraio 2018

                                                                                                                Giovanni Di Caprio




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi