Lettera aperta di Giovanni Auriemma

 

Frequento la piccola culla di Gesù bambino, Terra d’Amore, da tanti anni e ho avuto anche il piacere e l’onore di conoscere Maria Giuseppina Norcia, una donna umile e timorata di Dio, che con tanto amore accoglieva i Pellegrini che si recavano da lei e nella sua semplicità aveva sempre per tutti una parola di conforto, esortava i fedeli alla conversione e di vivere la cristianità autentica, grande esempio per tutti noi, riempiva il mio cuore di gioia, mi ha insegnato ad amare il Signore e rispettare i dieci comandamenti.

Come allora con Maria Giuseppina Norcia, così anche oggi il Mistero va avanti e continua nel suo percorso, guidato dal nostro fratello e Pontefice Samuele Morcia, un giovane mandato da Dio, che con rettitudine e saggezza, animato dallo spirito santo ci fa vivere la vera fede cristiana per suscitare in noi il desiderio e la volontà di essere figli della Nuova Gerusalemme proprio come vuole Dio Padre.

oggi voglio unire la mia voce a quella dei miei fratelli della Nuova Gerusalemme e sento il dovere di esprimere il mio pensiero in difesa della piccola Culla di Gesù Bambino dalle cattiverie e calunnie che in questi giorni sono state dette.

Credo fermamente in questo luogo e di tutto ciò che ci insegnano, sono fiero e orgoglioso di appartenere a questa chiesa, la Chiesa Cristiana universale della Nuova Gerusalemme.

Curti (Ce),  09 Febbraio 2018

Giovanni Auriemma




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi