Lettera aperta di Giovanna Ingannamorte

 

Mi chiamo Giovanna e, anch’io voglio unirmi ai numerosi fratelli che hanno testimoniato in difesa della Piccola Culla.

Sono rimasta sorpresa e amareggiata nel sentire le cattiverie che vengono  dette nei confronti del Grande Mistero della Nuova Gerusalemme e della famiglia che con grande amore e immensa dedizione porta avanti l’eredità che Mamma Giuseppina  ha lasciato loro da custodire e da difendere.

Frequento assiduamente la Piccola Culla fin dal lontano 1994. Ho ricevuto numerose Grazie e consolazioni che mi hanno aiutato ad  affrontare con serenità le non piccole prove che la vita riserva. Ho sempre ricevuto sia da Giuseppina prima che da Samuele poi grandi aiuti spirituali per poter crescere gradualmente  e progressivamente nel  cammino cristiano. Con il loro insegnamento ho imparato a pregare in maniera continuativa, a sforzarmi con tutte le forze per rispettare i dieci comandamenti e a leggere e a meditare le sacre Scritture.

Voglio solo dire che il gesto che hanno intrapreso tali individui,  è così vile e così scomposto, da essere giudicato spregevole anche da coloro che non fanno parte della nostra Chiesa.

Ritengo di aver avuto una grande Grazia per aver conosciuto questo luogo Santo e le persone che con Amore fanno la Volontà del Signore.

Torino, 06 febbraio 2018

Giovanna Ingannamorte




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi