Lettera aperta di Gilda Alabisio

 

Roberta cara, da più di 30 anni frequento la Culla e mai, ripeto, MAI, ho dubitato della tua Nonna, anche quando ci ha “affidati” a Samuele. Come da Lei appreso, la prima unione fraterna nasce in famiglia.

Ferire, umiliare, mortificare, offendere, denigrare quanti hanno il nostro stesso sangue nelle vene è ”malefico” sopratutto da parte di chi ha ricevuto buoni esempi di amore, obbedienza, umiltà, rettitudine, dai genitori, dalla Nonna e dalla Bisnonna, esemplari! Quindi, cara figlia e nipote, sei libera, come tutti noi, di condurre la tua vita, ma non trovo dignitoso quanto stai facendo. Rispetta chi liberamente vuole continuare il cammino intrapreso e, sopratutto, chi è stato “affiancato” alla tua Nonna per continuare il piano di salvezza voluto dal Padre.

10 marzo 2018

Gilda Alabisio




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi