Lettera aperta di Gerarda Norcia

 

Mi chiamo Norcia Gerarda, conoscevo Maria Giuseppa e Nonna NELLA sin da piccola, ho riscontrato in LORO delle persone speciali, umili e buone, dalle quali provenivano solamente insegnamenti di cristiani autentici.

Ho sempre frequentato la culla di Gesù Bambino perché in questo luogo ho ricevuto tanto, conversioni e miracoli, in particolare un tumore al seno e poi ancora una malattia rara che mi avrebbe portato alla morte. Ricordo ancora bene quando MARIA G. venne a trovarmi all’ospedale, con tanta grazia mi confortò e mi disse: “non preoccuparti Gesù ti guarirà”, e così fu.

Diversi anni dopo ebbi modo di conoscere SAMUELE MORCIA, un giovane tanto atteso, scelto da DIO per aiutare MARIA G. a portare avanti questo Mistero. In lui ho visto la stessa umiltà, dolcezza e santità che erano in LEI. Per tutto ciò mi unisco per difendere la Chiesa e chi la guida.

Per me è grave sentir parlare male di LORO che sono tanto cari al mio cuore e prego affinché il PADRE faccia scendere la sua misericordiosa giustizia.

Ringrazio DIO per averci donato la CHIESA CRISTIANA UNIVERSALE DELLA NUOVA GERUSALEMME.

Atina (FR), 31 Gennaio 2018

                                              Norcia Gerarda




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi