Lettera aperta di Francesca Carcione

Alla luce di quello che ultimamente sta succedendo sui social, non posso rimanere in silenzio senza difendere quello in cui credo fermamente: “La Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme”.

Mi chiamo Francesca, sono una ragazza di 29 anni e ho intrapreso questo cammino da settembre 2014, frequentando gli incontri di preghiera che si facevano a Latina poiché la “Culla del Bambino Gesù” era chiusa per lavori.

Grazie a questo Mistero ho riscoperto la fede cristiana, che da tempo avevo perduto, e anche grazie all’esempio di vita di Samuele Morcia si è accesa nel mio cuore quella fiamma d’amore viva per “Gesù e Maria”.

Purtroppo non ho avuto la fortuna di conoscere Maria Giuseppa Norcia, Colei che grazie al suo “Sì “ha dato vita a questo Mistero d’Amore, ma grazie alle tante testimonianze dei fedeli e dei ministri della Chiesa, mi è sembrato di conoscerla e viverla da sempre.

Come io ho scelto liberamente di accogliere questo Mistero, tutti sono liberi di accettarlo o meno nel proprio cuore; ben diverso però è calunniarlo e screditarlo gratuitamente.

Nella “Piccola Culla del Bambino Gesù”, il Tabernacolo dello Spirito Santo, l’Isola Bianca, ho trovato ed avvertito l’amore di Dio; da quando vivo questa Chiesa ho imparato cosa vuol dire essere una vera cristiana e ringrazio il “Padre” ogni giorno perché ha avuto misericordia di me e mi ha ridato una vita nuova in “Cristo”.

Per queste ragioni ora e sempre difenderò la “Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme”.

Piedimonte S. Germano, 29 gennaio 2018

Francesca Carcione




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi