Lettera aperta di Franca Forcina

 

Frequento la Culla di Gesù Bambino dal 1987 e vivo insieme alla mia famiglia questo cammino di fede e sono fiera ed orgogliosa di appartenere alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme, senza nessun obbligo e costrizione da parte di alcuno.

Ho avuto la grazia di conoscere personalmente Maria Giuseppa Norcia che con il suo esempio di amore e rettitudine semplicità e dolcezza mi ha aiutato a vivere e superare con amore cristiano vari episodi della mia vita.

Vivendo pienamente il Mistero di Gesù Bambino, sono testimone di tanti momenti di dolore e soprusi perpetrati ingiustamente contro Maria G. Norcia,  da parte di persone che per i loro interessi e pieni di amor proprio, volevano dirigere le cose di Dio per i loro scopi umani, ma sono anche testimone di moltissime grazie sia corporali che spirituali, (ricevute anche nella mia famiglia), che mi davano la forza e l’amore di stringermi sempre più a colei che tutto per noi si è donata, e oggi sono vicina a Samuele ed Anna compartecipando alle sofferenze che sopportano per tutti noi.

E’ ancora vivo in me il ricordo di quando lei ci disse che sarebbe arrivato un giovane di Luce che l’avrebbe aiutata a completare la volontà di Amore e Redenzione voluta dal  Padre.

Nel 2000 quel giorno arrivò e per me fu una grande gioia quando lei ci indicò Samuele.

Nel vederlo fui molto contenta perché, con Samuele si iniziavano a realizzare tutte le cose belle che avevo sempre ascoltato da Maria G. Norcia. Ebbi modo di conoscerlo di parlare con Lui, ascoltarlo e mi resi conto da subito, che non avevo mai conosciuto prima di allora una persona così gentile pronta ad aiutare e confortare tutti, così come avevo già visto fare da Maria G. Norcia.

Credetti subito. Posso testimoniare che ho vissuto il “prima” con Maria G. Norcia  ed ora il “continuo” del  cammino con Samuele e la sua sposa Anna, perché non mi sono mai sentita orfana, il Signore mi ha regalato una grande famiglia, attenta, premurosa, semplice, gentile, umile e retta.

Il Mistero d’Amore continua così, come Maria G. Norcia ci aveva sempre detto. Mi unisco a tutti i miei fratelli uniti nell’unico Spirito che ci lega al Corpo Mistico a difesa delle calunnie e delle falsità, che in questi giorni si stanno diffondendo, e tali diffamazioni non provengono dal Padre buono, ma da uno spirito immondo che è superbia.

La verità è una sola: ho vissuto Maria G. Norcia nella preghiera, nell’umiltà e nella verità.

Oggi vivo liberamente e consapevolmente insieme alla mia famiglia, Samuele, Anna, sempre nella preghiera nell’umiltà e nella verità.

Formia,  27 gennaio 2018

In fede Franca Forcina




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi