Lettera aperta di Fernanda Maria Romano

 

Quando sono arrivata alla Cappellina di Gesù Bambino nel 1985 insieme a mio marito e alle mie bambine ho incontrato gli occhi di Maria Giuseppa Norcia che mi sorridevano con tanto amore.

Quando ho toccato per la prima volta la sua mano, il mio cuore ha incominciato a battere forte perché lo sentivo riempirsi di un Amore materno, che Lei sempre ha continuato a donarmi.

Per me e per la mia famiglia, la Culla del Bimbo Divino  è diventato il Tesoro Celeste.

Ho conosciuto una Mamma: Maria Giuseppina, Donna di Dio; ho conosciuto nonna Nella, donna semplice e sapiente; ho conosciuto Anna, giovane fanciulla dal cuore puro, grande esempio di santità per tutti.

Maria Giuseppina e la sua famiglia mi hanno insegnato a vivere Dio, mi hanno fatto comprendere che nella piccola Culla era sceso il Bimbo Divino per condurre tutti gli uomini di buona volontà alla salvezza eterna.

In piena libertà, con la mia famiglia, abbiamo creduto e scelto di vivere gli insegnamenti di Cristo.

Finalmente, un giorno, il giovane tanto atteso da Giuseppina, mandato da Dio per aiutarla nel compito affidatole dal Padre, è arrivato.

Maria Giuseppina aveva parlato di Samuele a tutti noi, si fidava di lui e tutti siamo stati affidati a lui.

Con grande gioia eravamo presenti alle nozze di Samuele e Anna, momenti di festa e unione per tutta la famiglia e per tutti i fedeli di Gesù Bambino.

Oggi Samuele Morcia è il Sommo Pontefice della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme ed io e la mia famiglia siamo fieri ed orgogliosi di farne parte.

Non comprendo e non posso accettare le calunnie e le cattiverie di chi, avendo conosciuto tutto ciò, ha scelto di fare guerra alle persone che hanno accolto tutti con grande amore.

Perdere un tesoro così grande per dei piani umani equivale a cadere nel buio e perdere tutto.

Io, insieme alla mia famiglia e a tutti i fratelli vivo il Mistero di Dio nella totale libertà e ringrazio vivamente Samuele, Anna e la sua famiglia e i Ministri che sono sempre al nostro fianco.

Unico e continuo è stato, è, e sempre sarà  il progetto di salvezza del Padre.

Gallinaro, 29 Gennaio 2018

Fernanda Maria Romano




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi