Lettera aperta di Fabrizio Ferrara

 

Mi chiamo Fabrizio, sono arrivato alla Piccola Culla di Gesù Bambino nel novembre del 2008, avevo solo 16 anni, ma come spesso capita non dando il reale valore di ciò che uno fa, purtroppo ci si allontana per seguire le vie del mondo e ci si perde in tante tentazioni e tante distrazioni che a conti fatti non ti portano a nulla, ma solo delusioni e rimpianti. Nel 2012 tornato in quel gruppo che avevo lasciato, ho trovato subito amore, fratellanza, amicizia, ma soprattutto FAMIGLIA.

Oggi, all’età di 26 anni, posso tranquillamente affermare a voce alta che mai nessuno mi ha “costretto” o “obbligato” a pregare o venire in questo luogo santo e mi dispiace leggere tante e tante parole negative da parte di chi in questo luogo è nato, è cresciuto e che oggi si permette di giudicare!

Ma poi giudicare cosa? Chi ha il desiderio di recarsi in un luogo santo per pregare? Grazie all’amore spirituale di una Mamma, tante e tante persone hanno scoperto i veri valori cristiani e tutto ciò che di meraviglioso e bello può darti la preghiera, toccando con mano l’amore e l’affetto di tutte quelle persone che domenica dopo domenica si ritrovano in questo luogo santo. Sinceramente, mi sento in dovere di difendere ciò in cui credo da menzogne e bugie dette e scritte pubblicamente in questi giorni, in maniera del tutto gratuita e spropositata. Né io e né altri ci siamo mai permessi di giudicare o sentenziare sulle decisioni altrui, mai lo faremo. Dio lascia a tutti la libertà di scegliere la via da percorrere, ed io sono qui nella più totale trasparenza a testimoniare tutto ciò che di bello può darti la fede, la VERA fede!

Io purtroppo non ho avuto la possibilità di conoscere di persona Maria Giuseppa Norcia, ma ho ricevuto in dono il suo amore spirituale di mamma tramite i miei fratelli e i loro racconti su di lei. Ogni volta che mi raccontavano e tutt’ora mi raccontano di M.G. Norcia sento dentro di me la canzone “… Per chi non l’ha conosciuta, per chi l’avrebbe amata … per chi … dal profondo del Cuore … vuole sapere di Lei…”, per questo la ringrazio!

Tramite il suo esempio di vita e di Amore Materno verso tutti i fedeli che accorrevano alla Piccola Culla, e dopo 33 anni di vita dedicata a Dio ed al suo progetto Divino per la salvezza dell’Umanità, ha fatto sì che il mondo e tutti noi conoscessimo colui che è il suo tramite ed il testimone vivente di tutto il suo operato terreno, Mario Samuele Morcia, il nostro Pontefice, colui che è il rappresentante della nostra chiesa, la Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Oggi Lo ringrazio … Lo ringrazio perché anche Lui, come Lei, dedica nella totalità la sua vita a Dio ed al suo progetto di salvezza. Lo ringrazio perché con le sue parole riesce a far rivivere nella pienezza, la vera essenza e la vera sostanza dell’essere Cristiano. Lo ringrazio perché mi ha insegnato la preghiera e il rispetto verso i fratelli, perché tramite i suoi insegnamenti, ho imparato a mettere in pratica i 10 comandamenti di Dio e ad apprezzare, vivere, onorare e rispettare la Terra Santa, la Nuova Gerusalemme, questo angolo di paradiso che Dio ha scelto per portare a compimento il suo grande progetto. Ringrazio tutti i Ministri e tutte quelle persone che si prodigano per questo grande Mistero Divino. Ringrazio Anna e Vincenzo Lombardi, figli di M.G. Norcia per il loro esempio di vita e di rispetto verso coLei che ha portato per tanto tempo avanti il Mistero del Bambino Gesù.

E soprattutto ringrazio Dio per avermi chiamato a far parte di questa Famiglia, di questa Chiesa, che il mondo sconosce e che diffama gratuitamente. Un mondo dove si sono persi i veri valori cristiani, dando sfogo solo ai propri piaceri terreni, non mettendo più al centro Dio, ma l’uomo e le sue “esigenze”. Ecco perché è nata questa Chiesa e noi Fedeli, rappresentanti e Ministri, tenuti a DIFENDERE tutto ciò che Dio ha offerto gratuitamente all’umanità.

Ciò che Lei ha portato avanti per tutta la sua vita, noi continuiamo a rispettarlo ed onorarlo oggi.

Ci è stato sempre detto che ognuno è libero di fare le proprie scelte… Ecco, io la mia l’ho fatta, sono onorato e felice di portarla avanti e difenderla a costo della mia stessa vita!

Grazie Gesù, Grazie Mamma e Grazie Samuele!

Palermo, 3 febbraio 2018

                                                  Fabrizio Ferrara




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi