Lettera aperta di Domenico Scarponetti

 

Dopo un periodo di riflessione e preghiera, come membro di questo Corpo mistico che è la Chiesa, ho ritenuto opportuno scrivere questa lettera per dare voce al mio cuore che mi spinge a proclamare e a confermare apertamente, senza alcun timore e a testa alta, la mia fede in Dio e nel Suo Mistero d’amore e di redenzione che Maria Giuseppina Norcia ha annunciato al mondo facendo conoscere la “Piccola Culla del Bambino Gesù” e che ora, con la nascita della Chiesa Cristiana Universale, Samuele e tutti quanti noi con lui, ministri e fedeli, abbiamo l’onore e l’onere di portare a termine.

La chiamata ricevuta alla “Piccola Culla” è un onore, nella consapevolezza della grazia ricevuta di poter lavorare nella Vigna del Signore; e al tempo stesso è un onere, nella consapevolezza del peso e della responsabilità che grava sulle spalle di coloro che sono stati chiamati dal Padre a continuare la missione che, nell’amore e nella libertà, ognuno di noi ha abbracciato dicendo “sì” alla chiamata e rinnovando il proprio “sì” ogni giorno, come la Donna di Dio prima e Samuele ora ci hanno insegnato e ci insegnano quotidianamente, con il loro esempio di veri uomini e donne e, quindi, di veri cristiani.

Il Mistero della Nuova Gerusalemme è uno. O lo si accetta o lo si nega. Tutti noi, ieri come oggi, siamo stati chiamati da Dio nella piena libertà, di accogliere o rifiutare la chiamata, di confermarla o rinnegarla. Chi frequenta il Mistero di Gesù Bambino ne è testimone. E chi afferma il contrario per propri interessi è un menzoniero. Così come è sempre stato prima e così come è ora: ognuno è libero di credere o di non credere, di proseguire o di fermarsi nella chiamata ricevuta, senza alcun obbligo. L’unico obbligo che resta, davanti a Dio e agli uomini, è quello della lealtà, della sincerità e della correttezza, morale e spirituale, che non deve portare a manipolare la verità delle cose per coprire le proprie mancanze, o per giustificare le proprie scelte di comodo o per fornirsi degli alibi, infangando o servendosi del nome di chi ha iniziato questo Mistero d’amore per infangare chi ora lo conduce.

Questo non è e non sarà accettato. A nessuno è e sarà consentito di dire falsità e di infangare gratuitamente la Chiesa, Samuele e la sua famiglia, gli strumenti chiamati da Dio e tutti i suoi fedeli. Facile ora alzare la voce, proferire volgarità, insulti e menzogne dopo essere scappati per soddisfare i propri capricci umani e perché divenuti gelosi e invidiosi della chiamata di altri, raccontando di aver visto gli “asini che volano” a persone che nulla sanno perché non presenti. Io sono sempre stato presente, prima e ora. E conosco bene la realtà dei fatti. Mai fuggirò di fronte alla realtà, alle mie responsabilità, di uomo prima e di cristiano poi. I veri figli di Dio non fanno le “scappatelle” per poi ergersi a giudici di morale, senza pensare all’immoralità che si vive nella propria famiglia. I veri figli di Dio non vivono di gelosia e di invidia per la chiamata di altri. I veri figli di Dio non si servono del nome o del legame di sangue con chi è santo per ritagliarsi un ruolo umano, per voler essere “qualcuno” di fronte a chi nulla conosce. Chi è Santo non può avere alcun legame, né di sangue né di spirito, con chi ha profanato il Suo Nome e la Sua Opera, senza essersene mai, prima d’ora, interessati, perché intenti a fare altro. Troppo comodo volersi servire ora del nome della Santa di Dio.

Ognuno è libero di vivere la propria fede nella libertà. Ma nessuno può pensare di poter vivere le proprie scelte puntando il dito, spargendo veleno. Da uomo e da fedele ben conosco tali soggetti, “campioni di coerenza”. Nella vita ci vuole coraggio e senso di responsabilità, che ti porta a parlare e ad agire da vero uomo, guardandoti negli occhi, nella vita reale, senza nascondersi nella vita virtuale, dove può essere vero tutto e il contrario di tutto, perché così la virtualità prevede e procede.

Il Mistero della Nuova Gerusalemme è la mia e la nostra vita, che difenderemo rinnovando il dono della nostra vita, che appartiene al Cuore Immacolato di Maria e al cuore di Gesù, testimoniando e difendendo sempre la verità, con vero coraggio e con vera lealtà, come membra vive di questo Corpo mistico che è la Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme, dono del Padre per tutti noi.

Scriverò ancora, perché io vivo per difendere la verità.

Latina, 25 gennaio 2018

Domenico Scarponetti




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi