Lettera aperta di Domenico Lucci e Antonietta Limatola

 

Scriviamo questa lettera per difendere e testimoniare la nostra appartenenza alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Io e mia moglie abbiamo iniziato questo cammino di fede nel 1999, e la domenica prendevamo parte al pellegrinaggio alla Culla del Bambino Gesù.

Abbiamo conosciuto M. Giuseppina Norcia che ci ha trasmesso un insegnamento di vita dedicata al Signore, fatta di grande sacrificio e umiltà.

Nel 2000 abbiamo conosciuto Samuele, il giovane atteso da M. Giuseppina come promesso da Gesù.

Dal primo istante abbiamo notato in lui una semplicità e una nobiltà d’animo incredibile, difficile da descrivere.

Nel giorno delle nozze di Samuele ed Anna, affinché tutti potessero comprendere e testimoniare la Chiesa che oggi viviamo , M. Giuseppina donò dalle sue braccia in quelle di Samuele il Piccolo Bambino Gesù.

Samuele e i nostri Ministri ci hanno guidato e fatto comprende il vero valore di famiglia, che oggi noi viviamo con i nostri tre bambini, e i veri insegnamenti di Gesù Cristo che vanno vissuti quotidianamente e che ti riempiono il cuore di gioia, quella gioia che troviamo unicamente alla Culla del Bambino Gesù.

E per tutti quelli che denigrano e offendono il progetto voluto dal Padre diciamo, venite e vedete con i vostri occhi e ascoltate con le vostre orecchie le parole che vengono professate in difesa del Cristianesimo e dei Comandamenti che il Padre Nostro ci ha donato.

Villaricca (NA), 31/01/2018

Domenico Lucci
Antonietta Limatola




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi