Lettera aperta di Dina De Cupis

 

Fra tante testimonianze, anch’io sento il dovere nel mio cuore di raccontare la mia. Sono tanti anni che frequento la Culla di Gesù Bambino e posso affermare di essere cresciuta con l’amore incondizionato di Mamma Giuseppina e di Gesù. Fin dal primo incontro sono stata colmata di Amore Divino e da allora nel mio cuore dimora. Ho conosciuto Samuele con lo stesso sorriso soave e gli occhi irradianti “luce” come quelli della Donna di Dio: Lui con la moglie Anna hanno continuato il percorso iniziato da Mamma dando conforto ed Amore a tutti noi pellegrini. Attraverso loro come “Lazzaro” Gesù mi ha fatto risuscitare, in seguito ad un gravissimo incidente, donandomi  “una vita nuova sia umana che spirituale”: molto ho avuto, come hanno tutti i fedeli che arrivano nel luogo santo Santo col cuore aperto, pronto ad accogliere lo Spirito. Ora, coloro  che sono stati accolti, aiutati, amati e guidati dalla Famiglia esempio di santità, per velleità di onori terreni calunniano ed infangano puntando il dito verso Chi con grande rettitudine ed amore continua “il Mistero” voluto dal Padre nella Terra Santa, conducendo per mano i fedeli che lo seguono nell’aderire alla Volontà del Padre.

5 febbraio 2018

Dina De Cupis




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi