Lettera aperta di Carmine Rufo

 

Come membro di questa Chiesa, sento il dovere di dare testimonianza a chi spergiura contro questo Mistero di Gesù Bambino, che la Donna di Dio Maria Giuseppina Norcia ha portato avanti prima e al figlio spirituale dopo, colui che lei mi ha invitato fortemente a seguire.

Ho conosciuto Maria Giuseppina Norcia nel 1987 dopo aver contratto matrimonio e insieme a mia moglie abbiamo avuto il piacere di conoscerla, (SANTA DONNA). Sempre parole di conforto, ma mi è rimasta impressa nel cuore la sua voce soave.

Non sono stato un frequentatore assiduo ma con il cuore ero presente. Quando avevamo problemi io e mia moglie l’unico rifugio era la Piccola Culla di Gesù Bambino.

Si incontrava tanta gente, molte testimonianze e l’umore saliva, si tornava a casa con il cuore sereno. Un giorno fui chiamato per gli incontri a Latina ed ho cominciato a frequentare, al terzo incontro da me frequentato conosco Samuele, lo sento parlare e vedo in quest’uomo qualcosa di straordinario. Né rimango affascinato e da allora non ho mai più abbandonato.

Continuo tutte le domeniche ad andare alla culla e fino a quando mi sarà possibile sarò presente.

Mi fermo e non mi allungo, ma voglio solo aggiungere a quelli che non ne parlano bene, non ne parlate nemmeno male, se non avete toccato prima con mano. A colui che infanga il Mistero con calunnie, dico solo anche Gesù fu  tradito da Pietro e Giuda, ma Pietro invocò il perdono e fu perdonato mentre Giuda fu affossato all’inferno. Sia Lodato Gesù Cristo.

San Donato Val Di Comino, 30 Gennaio 2018

Carmine Rufo




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi