Lettera aperta di Bonifacio Ragozza e Maria Luisa De Iulis

 

In seguito alle numerose calunnie e falsità che circolano in rete e non solo, nei confronti della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme soprattutto da parte di coloro che avrebbero dovuto dimostrare di essere un fulgido esempio di rettitudine, sorpresi da un così vile comportamento, mia moglie ed io ci sentiamo in dovere di scrivere queste poche e povere righe per difendere ciò che deve essere difeso con forza e coraggio.

Noi crediamo  ardentemente nel grande Mistero della Piccola Culla dove regna la libertà assoluta: la libertà che dà Cristo, “La Libertà vi farà liberi” e amiamo fraternamente la famiglia  che con infinita dedizione e raro equilibrio sta guidando in continuità con coLei che ha risposto con un Sì incondizionato alla chiamata del Padre Celeste per il bene universale.

In quel luogo Santo  sono avvenuti e avvengono eventi straordinari: prodigi che vanno dalle conversioni spirituali, alle visioni e alle guarigioni fisiche e tali esperienze non accadono soltanto alle persone semplici, ma anche ad individui, la cui preparazione scientifica porterebbe a negare la veridicità di questi fenomeni, perché ritenuti a loro dire irrazionali, ma che all’evidenza dei fatti capitati a loro stessi, devono ammettere che vi sono cose che superano la loro povera ragione.

Pregando davanti alla Piccola Culla e nel Santuario della Divina Misericordia, la stanchezza degli affanni quotidiani, viene superata sentendo di essere con Gesù, quasi in modo concreto, lì si avverte la presenza del soprannaturale, che si rivela nella semplicità, nell’umiltà, si sente una serenità e una gioia indescrivibili; è con questo linguaggio universale, che tutti percepiscono, che Gesù ci rende capaci di accogliere il Suo Amore e di donarlo ai fratelli.

Frequentiamo la Piccola Culla fin dal 2002, conosciamo bene Samuele,  la sua sposa Anna e la famiglia di Vincenzo, che  con la sapiente guida spirituale di Mamma Giuseppina, trasmettono con il loro esempio di vita, con il loro equilibrio, con la  loro compostezza e soprattutto con  la loro paziente disponibilità tutto l’amore fraterno possibile a quanti hanno modo di conoscerli.

Il pontefice Samuele, (in continuità con la missione affidata da Dio a  M. G. Norcia) unitamente con la sua Sposa Anna, ci guida con amorevolezza sulla Via, per comprendere la Verità e ottenere la Vita che è Cristo. Ci esortano a mettere al primo posto Dio, a pregare, a rispettare i comandamenti e a seguire e a incarnare la Parola di Dio. Loro che fanno tutto per Cristo, con Cristo e in Cristo, con il loro esempio di cristianità autentica, infondono nei nostri cuori il vivo desiderio e la gioia di emularli.

Noi difenderemo sempre con tutte le nostre forze, la Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme che è l’unica Via di Salvezza e, i detrattori non riusciranno mai ad offuscare con le loro perfide menzogne la Luce che da essa si irradia.

Il gesto che hanno compiuto coloro che hanno lasciato il bene per il male è doppiamente biasimevole, 1° perché hanno tradito ciò che avrebbero dovuto difendere, e 2°    perché anziché spendere il loro tempo ad occuparsi della scellerata scelta, si attardano a rivoltarsi  come fa la serpe per cercare di iniettare veleno  soprattutto sulla famiglia che sta difendendo la purezza della Vera fede Cristiana e ne fa testimonianza con l’esempio di vita.

“Come Luce splendida brillerai sino ai confini della terra; nazioni numerose verranno a Te da lontano.” (Tb C. 13)

Torino, 30 gennaio 2018

Bonifacio Ragozza e Maria Luisa De Iulis




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi