Lettera aperta di Antonella Calvano, Alice e Federica Autino

 

Siamo Antonella Calvano, Alice e Federica Autino e anche noi vogliamo difendere ciò in cui liberamente crediamo.

Ci siamo avvicinate alla Culla tredici anni fa, in questi anni molte cose sono cambiate, ma tutte in modo coerente rispetto alle parole di Maria Giuseppina Norcia; nulla è stato cambiato, nulla è stato fatto contro la Parola di Dio; tutto è in perfetta, anzi, Divina armonia.

Con la nostra voce vogliamo difendere Samuele e tutta la sua famiglia da falsità e cattiverie gratuite, perché è tangibile il loro impegno quotidiano e Amore per noi. E se questo fosse fatto per vana gloria a quest’ora sarebbe già chiaro; perché parliamoci onestamente, chi sacrificherebbe la propria esistenza in questo modo? Solo chi ama Dio con lo stesso cuore di Maria Santissima e suo Figlio, Gesù Cristo.

Se tutto questo fosse fatto in contrasto con la Parola di Dio il Cammino sarebbe tutto umanamente condotto. E invece no. Qui, i Dieci Comandamenti sono il fulcro; non si può essere veri cristiani senza seguirli. Non sarebbe vero Paradiso se non fosse impegnativa la sua conquista.

Non veniamo condotti come caproni, ma come uomini e donne di buone volontà che liberamente scelgono non di  essere canne al vento, ma di farsi roccia per Dio e con la Sua Grazia.

Inoltre, per coloro che nella piena libertà scelgono di andare via, non serbiamo odio o astio, ma ciò che certamente ci sentiamo di fare è difendere il nostro Credo, Samuele il nostro Pontefice e tutta la sua famiglia, soprattutto da persone che millantano una verità tutta loro: una realtà preconfezionata e comoda. Il Cristiano alla menzogna non ci sta, il Cristiano vero è umile, ma non si lascia umiliare; il buon Cristiano difende ciò in cui crede e non offende, ma sopra ogni cosa, il Cristiano autentico non tradisce Dio, non tradisce il Mistero di Dio.

Infine, ciò che viviamo qui è difficile da misurare con logiche umane, ma tutto è conforme, tutto combacia con quell’Amore filiale che la Madre ha dato al Figlio e che ora il Figlio dona a noi.

Con questa lettera vogliamo anche ringraziare il nostro Sommo Pontefice e la sua famiglia, tutti i Ministri e Strumenti che si donano gratuitamente e incondizionatamente per noi.

Torino, 23 marzo 2018

Antonella Calvano, Alice e Federica Autino




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi