Lettera aperta di Antero Orologiaio

 

Dinanzi a tanta cattiveria e falsità, non posso rimanere indifferente. Come figlio di Dio e membro della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Ritengo necessario fare la mia testimonianza, mi chiamo Antero e ho un handicap fisico dalla nascita, ero cristiano solo di nome. Ecco che Dio ha avuto misericordia di me, chiamandomi a Gallinaro alla Culla di Gesù Bambino. Era una domenica di ottobre, precisamente il 10/10/1982. Sono andato alla Culla per caso, chiamato da Dio, addirittura al posto di una persona che era venuta meno. Entrai nella Cappellina, vidi il volto di Gesù Bambino, e mi si scolpì nel cuore. Tutto finì lì, al ritorno, in macchina un mio amico oggi fratello, raccontò la storia della Culla di Gesù Bambino e del richiamo che Essa è per tutti. I giorni seguenti sentivo dentro di me un desiderio che mi spingeva a ritornarci e che si placò la domenica successiva quando tornai alla Culla. Appena entrai nella Cappellina sentii un fuoco dentro di me e senza accorgermene cominciai a piangere di gioia e a pregare, io che non sapevo nemmeno farlo. Da quel momento la mia vita ha preso una nuova direzione ho iniziato un nuovo cammino di conversione. E come un bambino ho desiderato conoscere Gesù che mi ha chiamato e attirato a se. Come? con la preghiera intensa, e unione fraterna. In quel periodo ho conosciuto mamma Maria Giuseppina Norcia, in lei ho subito constatato le virtù dell’umiltà, della rettitudine, della bontà, della semplicità e della dolcezza. A mamma Maria Giuseppina ho esposto in molti incontri i miei problemi sia materiali che spirituali, da lei sempre con il sorriso ho ricevuto conforto e sostegno, per continuare in questo cammino di fede.

Nel 2000 ho avuto modo di conoscere anche quel giovane tanto atteso Mario Samuele Morcia, che DIO aveva promesso a mamma Maria Giuseppina come aiuto per poi portare a termine il compimento di pace. Samuele che insieme alla sua sposa Anna e ai suoi ministri portano oggi avanti con umiltà e dedizione questo mistero di salvezza in perfetta continuità a Maria Giuseppina Norcia. Tutto vissuto in assoluta libertà, mai mi è stato chiesto nulla o obbligato a fare qualcosa che non sia stato di mia spontanea volontà anzi mi sento e voglio ringraziare prima di tutto la cara Maria Giuseppina Norcia, e ora Mario Samuele Morcia uomo di DIO, che hanno insegnato ad amare Gesù e Maria SANTISSIMA in assoluta pace nel cuore, ed riscoprire la fede autentica. E vivere i 10 comandamenti in comunione con DIO PADRE. A tutti coloro che vogliono infangare questo mistero d’amore, io dico state attenti, perché DIO è misericordioso ma è anche giustizia divina. Come disse Gamaliele, non vi accada di trovarvi a combattere contro DIO.

Falciano del Massico (CE), 07/02/2018

Orologiaio Antero




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi