Lettera aperta di Annalisa Fante

 

Sono Annalisa Fante e frequento la Culla di Gesù Bambino da 34 anni, posso dire di essere cresciuta alla Culla in quanto avevo 6 anni quando ho messo piede in questo luogo.Ricordo l’ amore con cui ci accoglieva Maria Giuseppina Norcia, sempre disponibile e amorevole con tutti, insieme a Nonna Nella e Anna, donne straordinariamente umili.Con l’arrivo di Samuele, Giuseppina ci disse che era arrivato l’aiuto che Dio Le aveva promesso, ci esortava ad avvicinarlo e ad ascoltarlo, dicendo che lo avremmo amato come amavamo Lei…..e così è stato.
Samuele si è fatto posto nel nostro cuore piano piano, entrando in punta di piedi.
Samuele, come Giuseppina ci insegna la concretezza della vera fede cristiana, basata non sulle chiacchiere ma sui fatti.
Ho visto crescere la Piccola Culla giorno dopo giorno, ho visto e conosciuto gente che dopo aver ricevuto tanto da questo luogo Santo, non solo hanno deciso di non lavorare più nella vigna del Signore (per assecondare i propri bisogni umani), in più cercano di ostacolare,calunniando e diffamando chi vuole proseguire il proprio cammino, addossando loro colpe per giustificare la propria scelta.Ma l’occhio di Dio tutto vede e tutto sa!
C’è poco da riflettere e ragionare, basta ascoltare il cuore…..il cuore non sbaglia mai!

27 Gennaio 2018

Annalisa Fante




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi