Lettera aperta di Anna Di Lillo

 

Come fedele della Chiesa Cristiana Universale Della Nuova Gerusalemme anch’io, mi unisco ad altri miei fratelli in Cristo, e desidero difendere e testimoniare la mia fede in Questo Grande Mistero d’Amore che alla Piccola Culla del Bambino Gesù si compie.

Sono arrivata in questa Terra Benedetta nel 1993, 25 anni fa, dove da subito sono stata avvolta in un clima di pace e d’armonia di Cielo.
Ad accogliermi ho trovato con il Suo infinito Amore: Maria Giuseppa Norcia,
una donna umile e timorata di Dio, che con il Suo esempio di vita mi ha insegnato cosa vuol dire Cristianità autentica.

Nel 2000 è arrivato alla Culla Samuele Morcia: il giovane atteso dalla stessa Maria Giuseppa e indicato dal Padre come Colui che porterà a compimento il Piano D’Amore e di Redenzione per tutta l’umanità.

In Samuele Morcia, ho trovato gli stessi sentimenti di umiltà, rettitudine e semplicità di Maria Giuseppa Norcia.

Ora c’è chi, animato da una cattiva volontà, insinua che quando c’era Maria Giuseppa, il Mistero d’Amore era guidato da Dio, invece ora che c’è Samuele il Mistero d’Amore non è più guidato da Dio.
Questa è una grande Menzogna, e chi pratica la Menzogna non viene da Dio ma dal nemico di Dio.
Quindi chi pratica la Menzogna non è figlio di Dio ed è destinato a perire.
Invece tutto ciò che viene da Dio trionfa ed è eterno, come è eterna questa Culla che nasce non per volere d’uomo ma per volere di Dio Padre.

Marcianise (CE), 26 gennaio 2018

Anna Di Lillo




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi