Lettera aperta di Angelone Roberto e Carbone Maria Cristina

 

Io e mia moglie frequentiamo la piccola culla del bambino Gesù dal 1991 e sin dal primo giorno ho creduto in questo Mistero perché, davanti a quella Culla, ho avvertito la presenza e la potenza di Dio e ne sono rimasto meravigliato.

Io e mia moglie abbiamo avuto l’onore di conoscere Maria Giuseppina Norcia che ci ha accolto sempre con amore e umiltà trasmettendoci tutti i valori cristiani, indicandoci la strada che porta a Cristo Via Verità e Vita. Grazie a lei, al suo eterno si, alla sua fedeltà e alla sua obbedienza, incarnando nella totalità le virtù di Maria l’eterna fanciulla, che il Padre ha potuto donarci oggi questa Chiesa Cristiana Universale della Nuova  Gerusalemme, guidata in continuità e coerenza da Mario Samuele Morcia, un giovane già preannunciato dalla stessa Maria Giuseppina Norcia. Tutti noi fedeli eravamo a conoscenza di ciò e con amore abbiamo atteso e poi accolto Samuele, che oggi si dona con lo stesso amore di Maria Giuseppina Norcia. Io e la mia famiglia in piena liberta (non come alcuni calunniatori oggi affermano di essere stati condizionati e plagiati) siamo onorati e fieri di essere stati chiamati a compartecipare a questo grande Mistero Divino e di appartenere alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme.

Per questo motivo dopo aver tanto ricevuto sentiamo il dovere di ergerci a difesa della nostra Chiesa, attaccata ingiustamente da falsità e calunnie.

Borgo Centore, Cellole (CE), 5/02/2018

                                                            Angelone Roberto
Carbone Maria Cristina




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi