Lettera aperta di Angela Lepore

 

Mi chiamo Angela Lepore, ho 25 anni, e sono una fedele della Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme. Frequento la piccola Culla del Bambino Gesù da sempre e questo Luogo Santo mi ha accompagnato e continua ad accompagnarmi lungo tutta la mia vita. Tutto devo a Gesù, tutto. Sono testimone vivente della realtà di questo luogo e di tante grazie, conversioni e miracoli che qui sono avvenuti e continuano ad avvenire e che io ho visto con i miei occhi.

Ho conosciuto Maria Giuseppa Norcia e conosco personalmente Samuele Morcia, sua moglie Anna, e tutti coloro che si adoperano in prima persona per la Nuova Gerusalemme. Sono sempre state persone serie e corrette, amici veri, nei quali ho potuto constatare che cosa significa servire Dio e non servirsi del nome di Dio.

La Nuova Gerusalemme è stata e viene tuttora osteggiata, soprattutto da coloro che si prodigano a diffondere, con tutti i mezzi possibili, menzogne spropositate e create ad arte su questo Luogo Santo e sui suoi fedeli, con lo scopo di alimentare un clima di sospetto e di paura, cosicché la gente non si avvicini a questa realtà e non venga a conoscenza della Verità, che fa male a molti e che tanti cercano affannosamente di tenere celata.

Io sono onorata e orgogliosa di appartenere alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme e ringrazio il Padre per questo immenso dono. Frequento questa Chiesa non perché sono stata plagiata, ingannata, costretta, minacciata, e così via (a secondo della menzogna di turno) come ora alcuni vorrebbero astutamente far credere, ma perché qui sperimento la viva presenza dello Spirito Santo e sono pienamente consapevole e felice di ciò che faccio.

Frequento e vivo la Nuova Gerusalemme perché sono cristiana, e in questa Chiesa si rispettano e si vivono i Comandamenti del Padre e gli insegnamenti del Figlio, come chiunque può constatare di persona, comandamenti e insegnamenti d’Amore che non si rispettano e non si vivono più altrove, e anche questo chiunque lo può constatare.

Frequento e vivo questa Terra d’Amore perché qui ho trovato la Chiesa di Cristo; qui ho trovato la Via, quella tracciata dal Figlio di Dio, la Verità, Assoluta e non relativa che ti rende davvero libero, e la Vita, quella vera che ti fa vivere e non sopravvivere. Qui sperimento il puro, semplice e infinito Amore di un Padre e di una Madre, che ti fa battere il cuore e ti riempie di pace e di gioia.

Si è liberi di credere o di non credere, nella libertà che Dio ha dato ad ognuno, ma nessuno si può permettere di mancare di rispetto e di infangare la Nuova Gerusalemme, i suoi rappresentanti e i suoi fedeli, perché se le parole se le porta il vento, i fatti restano e gridano la Verità, e nessuno li può negare perché significa negare l’evidenza.

Galluccio (CE), 10 febbraio 2018

Angela Lepore




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi