Lettera aperta di Alessandra Aiezza

 

Sento, dal profondo del cuore, di unirmi a tanti fratelli che hanno difeso questo Mistero Divino e Coloro che con spirito di Amore, di sacrificio ed abnegazione lo conducono, donando la propria vita tutti i giorni, donando il proprio “SI” al PADRE , vivendo nell’unione santa con tutti i fratelli.
Sono arrivata alla Culla di Gesù Bambino nell’anno 1983 ed ho conosciuto la Cara Maria G. Norcia quando abitava ancora a Sora e si recava a Gallinaro ogni Domenica. E’ stata proprio la sua dolcezza, l’umiltà e la disponibilità totale al Signore ed ai fratelli che mi hanno conquistata subito, ma non sto qui a perdermi nel raccontare tutto ciò che ho ricevuto ed ho sperimentato in Questo luogo di Paradiso perché rischierei di essere troppo lunga.
La presente è per precisare che, avendo vissuto continuativamente, liberamente e con immensa gioia il prima e il dopo, posso dire con certezza che, tutti i messaggi, gli insegnamenti e i consigli ricevuti da Lei sono stati, dopo, ripresi da Samuele, in quanto ero presente quando quel 6 gennaio del 2000 è arrivato, quando ha iniziato a venire in mezzo a noi a parlarci, proprio da Lei siamo stati indirizzati a Lui, sia per ascoltarlo, che per chiedere eventuali consigli; ero lì quando ha sposato Anna e quella sera la stessa Maria G. ha consegnato nelle sue mani Gesù Bambino: Lui avrebbe continuato tutto, lo avevo capito subito.
Anche attraverso i messaggi avevamo ascoltato che sarebbe arrivato un Aiuto, Lei lo aveva atteso ed era arrivato ed era stato da Lei preparato per tutto ciò che sarebbe stato dopo.
Quando il 5 luglio è volata in Cielo, non ci siamo sentiti smarriti perché abbiamo visto in Samuele il Figlio da Lei preparato per sostenerci tutti. Infatti non ci è mai mancato il suo sostegno, il suo esempio di vita esemplare di obbedienza al Padre, nonché di buon marito e padre. Sempre presente in mezzo a tutti noi per non farci mancare mai quel conforto ed incoraggiamento che ci sprona a proseguire questo Cammino di Salvezza voluto dal Padre.
In questo Luogo Santo ho ottenuto solo gioie, conforto, pace e grazie su grazie per tutta la mia famiglia, prima tramite Maria G. Norcia, che ho amato ed amo fortemente tutt’ora, poi, nella perfetta continuità, da Samuele, in cui credo e di cui mi fido totalmente.
Pertanto vivo questo mistero Divino con totale convinzione ed in perfetta libertà.
Mi addolora molto leggere le offese immotivate che vengono indirizzate a Samuele e a tutti coloro che si impegnano dando la loro vita per condurre nella piena obbedienza al Padre la “Chiesa Cristiana Universale” della Nuova Gerusalemme, in quanto so che non hanno fondamento e sono dettate solo da cuori che, avendo scelto liberamente di vivere nell’errore, non sentendo più l’amore di Dio e non essendo più capaci di fare un umile esame di coscienza, si scagliano contro chi potrebbe risvegliargliela.

Bellona (CE), 26 gennaio 2018

Alessandra Aiezza




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi