Lettera aperta di Adriano Scalice

 

Scrivo per difendere ciò che va difeso. E senza indugio faccio fronte alle accuse lanciate sul mistero di Gesù Bambino di Gallinaro, vorrei ricordare a tutti coloro che lo hanno dimenticato, che la Chiesa Cristiana Universale della nuova Gerusalemme e nata per volere Divino e non per Volere umano,  sento il dovere di assumermi tutte le responsabilità per ciò che dico.

Questo Santo mistero che  è nato per contrastare tutto cio’ che va contro la volonta’ di Dio Padre.

La nostra fede in Dio e’ basata sui i 10 Comandamenti, tra questi c’e ne uno che dice NON DIRE FALSA TESTIMONIANZA, e mi riguarderei  se non dovessi osservare tale Comandamento.

Vorrei testimoniare che in questo luogo Santo grazie a Maria Giuseppina Norcia e poi a Samuele Morcia, che ci insegnano come mettere Cristo e Maria al centro della nostra vita, radicando radice d’amore verso Dio Padre.

Non intendo farmi scoraggiare da tali accuse che oltre a danneggiare la loro anima danneggiano tante anime che in questi tempi duri e difficile per la Cristianità si nutrono della ninfa dell’Amore Del Padre.

L’invito e’ a tutti coloro che leggono e a tutti miei fratelli e sorelle che credono in questo mistero di avanzare nell’insegnamento che abbiamo ricevuto avanziamo per contrastare la malvagità: Fratelli siamo il popolo di Dio, che ci invita a fare proselitismo per portare l’amore del Padre a tutti coloro che lo cercano allora dobbiamo essere forti, forza, forza fratelli avanziamo.

Latina, 26 gennaio 2018

Adriano Scalice




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi