Lettera aperta di Joaquina Geraldino e famiglia

 

Mi chiamo Geraldino Joaquina ho 35 anni, con mio marito e le nostre bambine frequentiamo la culla dal 2009.

Non abbiamo avuto la grazia di conoscere Giuseppina Norcia però gli siamo grati per aver detto quel si che ancora oggi ci mantiene qui.

Siamo cambiati in bene con l’aiuto della mamma e siamo diventati cristiani autentici, rispettando i comandamenti imparando a servire il signore. Ringraziamo con tutto il cuore il nostro sommo pontefice per tutto l’amore che nutre per noi; ci riteniamo fortunati di appartenere alla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme, se siamo qui è stata una libera scelta;

difendiamo questo mistero vivo da ogni falsa testimonianza e menzogna detta da persone che la pensano diversamente su questo grande dono che ci ha regalato il nostro Signore.

Ci sentiamo sereni e uniti a questo sacro posto, con la certezza di appartenere qui.

Con una pace immensa però soprattutto l’amore che ci dona Samuele, ci basta il suo sguardo e sentiamo l’approccio al nostro cuore pieno di gioia e certezze che nessuno ci può offrire solo lui e la sua amata sposa donandoci a noi in corpo e anima.

Bibbiano, Reggio Emilia, 05-02-18

Ferrante massimo
Geraldino joaquina
Ferrante Jessica
Ferrante Nicol




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi