Il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci “non è la verità: semplicemente non finirono”

 
A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

Non si moltiplicarono (i pani e i pesci). No, non è la verità: semplicemente non finirono, come non finì la farina e l’olio della vedova. Non finirono. Quando uno dice “moltiplicare” può confondersi e credere che faccia una magia … no, semplicemente è la grandezza di Dio e dell’Amore che ha messo nel nostro cuore, che – se vogliamo – quello che possediamo non termina” (Discorso alla Caritas Internationalis, 16 maggio 2013)
 
 
B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Non abbiamo che cinque pani e due pesci! Ed Egli disse: Portatemeli qua. E dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci e, alzati gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli e i discepoli li distribuirono alla folla. Tutti mangiarono e furono saziati; e portarono via dodici ceste piene di pezzi avanzati. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini” (Mt 14,17-21)
 
 
C) Commento:

Questa affermazione di Bergoglio è gravissima.

Bergoglio con le sue parole annienta e cancella uno dei più grandi miracoli compiuti da Gesù Cristo nella Sua storia terrena.

Quale spirito conferisce a Bergoglio l’autorità e il diritto di annullare le parole degli evangelisti con riferimento ai “cinque pani e ai due pesci”, dicendo testualmente: “Non si moltiplicarono. No, non è la verità: semplicemente non finirono“?!

Tutto il mondo conosce questo miracolo.

Questo miracolo è dovuto alla piena onnipotenza dell’Uomo Dio, Gesù Cristo. Se i pani erano “cinque” e i pesci “due“, come è stato possibile sfamare con questi numeri oltre “cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini“?

Queste affermazioni sono gravissime e confermano che le parole di Bergoglio non sono errori frutto di estemporanee distrazioni, ma sono prese di posizione che sono in netto contrasto con la Parola rivelata e la Sacra Scrittura e tendono a negare l’azione divina che Dio Padre ha manifestato nel Suo Figlio Gesù, l’Uomo Dio, il Salvatore del mondo, che con la Sua morte di croce ha sconfitto il male.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi