“Gesù fa un pò lo scemo”

 

A) Testo del discorso di J.M. Bergoglio:

Entrambe non sono verità: né il rigorismo né il lassismo sono verità. Il Vangelo sceglie un’altra strada. … Pensiamo alla scena dell’adultera (cfr Gv 8,1-11). Sta scritto: dev’essere lapidata. E’ la morale. E’ chiara. E non rigida, questa non è rigida, è una morale chiara. Dev’essere lapidata. Perché? Per la sacralità del matrimonio, la fedeltà. Gesù in questo è chiaro. La parola è adulterio. E’ chiaro. E Gesù si, fa un po’ lo scemo [nella traduzione riveduta e corretta successivamente dagli organi di stampa del Vaticano è scritto “il finto tonto”], lascia passare il tempo, scrive per terra…” (Apertura del Convegno Ecclesiale della diocesi di Roma, San Giovanni in Laterano, 16 giugno 2016)

 

B) Riferimenti alla Sacra Scrittura:

Chi è il menzognero se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio. Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre; chi professa la sua fede nel Figlio possiede anche il Padre” (1Gv 2,22-23)

 

C) Commento:

Di fronte a ciò ogni commento appare superfluo.

Solo chi è animato dallo spirito dell’anticristo, dallo spirito immondo, può permettersi di dire che “Gesù fa un po’ lo scemo”.

Chi bestemmia lo Spirito Santo, che è Cristo, non è figlio di Dio ma è figlio del maligno, di satana, del serpente antico, nemico di Dio.

E chi prega in comunione con coloro che sono animati dallo spirito immondo, riceverà la loro stessa condanna.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi